PULLING TEETH – Funerary

Negli anni ’80 potevi assistere ad un concerto di band thrash, death e hardcore, senza distinzioni e barricate: è uno spirito che si ritrova nella musica estrema moderna piuttosto di frequente. I Pulling Teeth (il nome è un evidente omaggio ad un celebre brano dei Metallica) provengono dal Maryland, inneggiano alla old-school in chiave moderna e propongono un incrocio tra hardcore punk e thrash metal piuttosto aggressivo.  Il loro sound è compresso in tracce feroci & veloci (durata media: due minuti) nella prima parte del CD, che poi tendono ad allungarsi nella seconda sotto l’influenza di vari stilemi doom. Due faccie della stessa medaglia, a formare un’accoppiata inedita che risponde ad altrettante distinte identità del gruppo: se si tratti di una cosa realmente positiva o negativa è difficile dirlo, perchè è fin troppo soggettivo. Questo perchè lo stile di questa band, artefice di sfuriate hardcore molto d’impatto (forse un po’ prevedibili) e con un cantato classicamente growl, non si lascia ingabbiare da un genere predefinita. Del resto è evidente quanto possa essere derivativo il sound di ‘Funerary’: l’iniziale
From birth‘ potrebbe essere stata composta dai Dismember, mentre l’intermedia title-track richiama sonorità industrial di tutt’altro tipo, lente e decadenti. Le influenze del panorama metal ed hardcore più spinto sono fin troppo evidenti, soprattutto nei riff chitarristici di scuola death-metal: questo forse diventa un limite sostanziale per questa band, comunque molto a suo agio a tessere trame ritmiche. Brani piuttosto “metallari” come ‘The new dark age‘, oppure gli assoli thrash di ‘Grudgeholder‘ lasciano il segno della loro intensità, pur senza essere delle vere e proprie perle. La linea di demarcazione tra la prima e la seconda metà di ‘Funerary‘ è certamente l’aspetto più interessante legato al CD, e fanno capire che i Pulling Teeth non sono l’ennesima band  “da pogo” scontata e banalotta: tuttavia le composizioni hardcore al fulmicotone (su tutte ‘Extinction’) sono, a mio parere, molto più riuscite delle lunghissime divagazioni conclusive, a tratti un po’ noiose e già sentite.

In definitiva il disco è certamente da non sottovalutare, dato che l’attitudine c’è tutta ed è difficile riuscire a creare, oggi, delle novità sostanziali all’interno del genere (ovviamente senza stravolgerlo o modificarlo del tutto): ‘Funerary‘ è crudo, diretto, avvolgente ed aggressivo, ma cita troppo il passato per poter essere definito un capolavoro. Ai posteri l’ardua sentenza.

A cura di Salvatore Headwolf

Band: Pulling Teeth
Titolo: Funerary
Anno: 2011
Etichetta: A389 Recordings
Genere: Thrash Metal / Crossover
Nazione: Stati Uniti

Tracklist:
1- A Bitter Harvest
2- From Birth
3- Extinction
4- Brain Drain
5- The New Dark Age
6- Grudgeholder
7- Plastic Tombs
8- Funerary
9- At Peace
10- Whispers
11- Waiting
12- August 29

Lineup:
Mike Riley – voce
Dom Romeo – chitarra
Mitchell – chitarra
Alex henderson – batteria
Chris Kuhn – basso

Website

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*