BLACK CROSS HOTEL: fuori il video di ‘Windows’ e l’album ‘Hex’

BLACK CROSS HOTEL: fuori il video di ‘Windows’ e l’album ‘Hex’

Gli statunitensi Black Cross Hotel hanno rilasciato il video del nuovo singolo ‘Windows’, che potete gustarvi qui sotto. Il brano è presente su ‘Hex’, debut album della band horror punk/industrial di Chicago appena pubblicato da War Crime Records.

La canzone è un cupo ma punitivo canto funebre rock gotico, che ricorda i Killing Joke nella loro forma più minacciosa con sfumature dei primi Cure e del rock industriale degli anni ’90. La clip stessa è in bianco e nero, con immagini minacciose e un sacco di melma. Il video è disponibile qui sotto.

Sul pezzo, i Black Cross Hotel raccontano: <<‘Windows’ è stato ispirato da ‘The Thing’, sia il film che la colonna sonora. Il suono combina l’atmosfera e gli stati d’animo di Carpenter con elementi melodici ispirati a Ennio Morricone. La storia parla del tentativo di mimetizzarsi con l’ambiente circostante ai fini dell’autoconservazione e del mantenimento della coesione di gruppo e alla fine fallire in entrambi gli obiettivi: la lezione è che negare la propria vera natura alla fine fa male a tutti. Riteniamo che Jakub (di Chariot of the Black Moth) abbia catturato perfettamente l’atmosfera in questo video.>>

Con una formazione composta dal produttore/bassista Sanford Parker (Corrections House, Minsk), dal cantante Dee DeEmme (Whipped) e dal batterista Mike Miczek (Broken Hope, The Atlas Moth), i Black Cross Hotel sono una band punk/industrial metal forgiata nel crogiolo della migliore cultura degli anni ’80. <<I Killing Joke sono senza dubbio la nostra band di animali spirituali, ma i film e la musica di John Carpenter, e altri film horror classici, sono dove abbiamo trovato la nostra ispirazione>>, spiega Ragin. <<Molte delle cose di questo primo disco sono ispirate a specifici film horror degli anni ’80>>.

Registrato principalmente presso l’Hypercube Studio di Parker a Chicago, il nuovo album ‘Hex’ dei Black Cross Hotel è intriso di film spaventosi degli anni ’80 e delle loro colonne sonore guidate dal sintetizzatore.

Piuttosto che limitarsi a rendere omaggio o recitare trame come tante band ispirate all’horror di un tempo, DeEmme esamina questi film – e la nozione di alterità contenuta all’interno – dalla loro prospettiva non binaria. <<Fa parte di ciò che rende unico il profondo legame della band con l’horror>>.

Di seguito la track-list e la copertina:

  1. Shape
  2. Daggers
  3. Siren
  4. Windows
  5. Hex
  6. Fugitive
  7. We Are 138 (feat. Randy Blythe of Lamb Of God)
  8. Hitchhiker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: