SQUID – Bright Green Field

SQUID – Bright Green Field

‘Bright Green Field’ è un’opera magistrale, che sa quando vestire con orgoglio le sue influenze e quando deviare selvaggiamente nella propria corsia!

Dopo una serie di singoli promettenti, gli Squid hanno ricominciato da capo abbandonando tutto il loro materiale registrato preesistente, ottenendo un debutto audace e senza compromessi che continua la loro frenetica esplorazione del kraut-jazz post-punk, spostandosi anche in mondi più elettronici e simili a paesaggi sonori.

Con l’uscita di ‘Bright Green Field’, rifiutano i limiti del genere, ribaltando lo sperimentalismo e ridefinendo completamente cosa significa essere una band nel 2021. La band ha ottenuto qualcosa che molti prima di loro hanno faticato a fare; hanno sapientemente centrato il punto debole tra l’onorare il loro sound precedentemente stabilito e l’andare avanti in un territorio nuovo e inesplorato.

Sebbene si adatti perfettamente all’attuale panorama della musica britannica che piega i generi, questo album riesce sicuramente a trovare una propria identità.

A cura di Antonello Sambucci

  • Band: Squid
  • Titolo: Bright Green Field
  • Anno: 2021
  • Genere: Art Punk/Post-Punk/Experimental Rock
  • Etichetta: Warp
  • Nazione: Inghilterra

Tracklist:

  1. Resolution Square
  2. G.S.K.
  3. Narrator
  4. Boy Racers
  5. Paddling
  6. Documentary Filmmaker
  7. 2010
  8. The Flyover
  9. Peel St.
  10. Global Groove
  11. Pamphlets

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: