MOMBU – Niger

NigerDei Mombu non smetto mai di stupirmi. Un suono così grosso, così alieno e alienante lo trovo raramente: nei cugini Zu, forse, in qualche lavoro di Patton, ma difficilmente riesco a pensare a qualcosa di simile. Senza aggiungere che sono in due, sax baritono e batteria.
A loro piace definirsi Afro Grind e qualche volta dicono anche di fare Voodoom e, in un mondo in cui spesso si sceglie prima l’etichetta e poi la musica, loro sono tra i pochi che riescono davvero a suonare un qualcosa e a chiamarlo nel modo giusto: afro, perché dell’africa nera recuperano la mitologia sciamanica del rito, dell’ossessiva ripetitività ritmica e dell’ascesa mistica verso l’estasi; grind, perché non svestono neanche per un secondo l’abito della forza, della violenza sonora e della musica estrema.

Quello che ne esce è uno dei punti d’incontro tra culture più originali mai visti: spesso si hanno contaminazioni con il vicino oriente (vedi gli Om o la mastodontica opera di Zorn e della sua Masada), altre volte sono le sonorità balcaniche a farla da ospite (gli Area), ma difficilmente qualcuno era riuscito a fondersi con l’africa nera e con la ritualità della sua musica. Qua i Mombu arrivano, prendono il jazz-core che avevano imparato a creare nei gruppi di partenza (Zu e Neo) e lo annegano nel fiume Niger, cavando fuori questo secondo disco.

‘Niger’, appunto, come il lungo fiume che attraversa l’africa occidentale incurvandosi fino ai confini del Sahara: ed è in questa atmosfera afosa e soffocante che i ritmi ossessivi del primo brano, scandito da un ruggente sax baritono e da una batteria incalzante.

Uno degli elementi più interessanti è sicuramente la capacità di costruire texture ritmiche a partire da uno strumento armonico come il sax e, sul climax che genera l’intreccio con la batteria, saper inserire richiami melodici e dissonanti, quasi come grida di estasi nella vibrante crescita sonora. I primi tre pezzi sono così: intrecci ritmici, percussioni intonate, sferzate di sax e mucchi sonori.

Ci sono anche i chitarroni, ‘Mighty Mombu’, i gorgheggi africani su xilofoni tribali, ‘Carmen Patrios’ e le evocazioni di spiriti infernali, ‘The Devourer Of Millions’. C’è di tutto, per l’appunto.

Fatevi travolgere da uno degli act sperimentali più freschi, innovativi e sorprendenti della penisola italica. E dimenticatevi di frasi tipo “la musica in Italia è ferma”: probabilmente corre più veloce di voi.

a cura di A. Premoli

  • Band: Mombu
  • Titolo: Niger
  • Anno: 2013
  • Etichetta: SubSound Records
  • Genere: Sperimentale/Jazz-core/Afro Grind/Voo Doom
  • Nazione: Italia

Tracklist:

  1. Niger 
  2. 667 A Steap Ahead Of The Devil 
  3. Adya Houn’ To 
  4. Mighty Mombu 
  5. Carmen Patrios 
  6. Seketet 
  7. Devourer Of Millions

Website

Il tuo biglietto su TicketOne.it

Concerti Metal - Concerti Rock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: