MOMBU – Niger

NigerDei Mombu non smetto mai di stupirmi. Un suono così grosso, così alieno e alienante lo trovo raramente: nei cugini Zu, forse, in qualche lavoro di Patton, ma difficilmente riesco a pensare a qualcosa di simile. Senza aggiungere che sono in due, sax baritono e batteria.
A loro piace definirsi Afro Grind e qualche volta dicono anche di fare Voodoom e, in un mondo in cui spesso si sceglie prima l’etichetta e poi la musica, loro sono tra i pochi che riescono davvero a suonare un qualcosa e a chiamarlo nel modo giusto: afro, perché dell’africa nera recuperano la mitologia sciamanica del rito, dell’ossessiva ripetitività ritmica e dell’ascesa mistica verso l’estasi; grind, perché non svestono neanche per un secondo l’abito della forza, della violenza sonora e della musica estrema.

Quello che ne esce è uno dei punti d’incontro tra culture più originali mai visti: spesso si hanno contaminazioni con il vicino oriente (vedi gli Om o la mastodontica opera di Zorn e della sua Masada), altre volte sono le sonorità balcaniche a farla da ospite (gli Area), ma difficilmente qualcuno era riuscito a fondersi con l’africa nera e con la ritualità della sua musica. Qua i Mombu arrivano, prendono il jazz-core che avevano imparato a creare nei gruppi di partenza (Zu e Neo) e lo annegano nel fiume Niger, cavando fuori questo secondo disco.

‘Niger’, appunto, come il lungo fiume che attraversa l’africa occidentale incurvandosi fino ai confini del Sahara: ed è in questa atmosfera afosa e soffocante che i ritmi ossessivi del primo brano, scandito da un ruggente sax baritono e da una batteria incalzante.

Uno degli elementi più interessanti è sicuramente la capacità di costruire texture ritmiche a partire da uno strumento armonico come il sax e, sul climax che genera l’intreccio con la batteria, saper inserire richiami melodici e dissonanti, quasi come grida di estasi nella vibrante crescita sonora. I primi tre pezzi sono così: intrecci ritmici, percussioni intonate, sferzate di sax e mucchi sonori.

Ci sono anche i chitarroni, ‘Mighty Mombu’, i gorgheggi africani su xilofoni tribali, ‘Carmen Patrios’ e le evocazioni di spiriti infernali, ‘The Devourer Of Millions’. C’è di tutto, per l’appunto.

Fatevi travolgere da uno degli act sperimentali più freschi, innovativi e sorprendenti della penisola italica. E dimenticatevi di frasi tipo “la musica in Italia è ferma”: probabilmente corre più veloce di voi.

a cura di A. Premoli

  • Band: Mombu
  • Titolo: Niger
  • Anno: 2013
  • Etichetta: SubSound Records
  • Genere: Sperimentale/Jazz-core/Afro Grind/Voo Doom
  • Nazione: Italia

Tracklist:

  1. Niger 
  2. 667 A Steap Ahead Of The Devil 
  3. Adya Houn’ To 
  4. Mighty Mombu 
  5. Carmen Patrios 
  6. Seketet 
  7. Devourer Of Millions

Website

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: