HAYE’S GRAVE – Shadow Moses

Haye’s Grave è una band proveniente da Lucca di recente formazione (fine del 2010), formatasi dalle ceneri dei “Bloody Ocean” e fautrice di un pesantissimo crossover che deve qualcosa sia alle sonorità  hardcore alla Crisis che al classico Gothenburg sound (In Flames / At the Gates). Qualcuno chiamerebbe in causa il cosiddetto new metal, ma si tratta di un’ etichetta che secondo me non si addice pienamente alla band in questione e che, alla lunga, lascia il tempo che trova, dato che è stata affibbiata a casaccio a troppi gruppi dal 1990 in poi.

I cambi di tempo di “Shadow Moses“, uniti ad alcune inaspettate aperture melodiche, ci riportano ad un tipo di impatto musicale oggi non molto di moda, derivante da punk e metal sporchi, crudeli e cattivi: un’attitudine death figlia di un sound molto contaminato, che non tutti vedranno di buon occhio. Ma in fondo va bene così: in tempi recenti avevo sentito idee del
genere (restando in Italia) negli straordinari Angusta Taurinorum, e questo fa onore agli Haye’s Grave. Chi conosce la band che ho citato dovrebbe riuscire a cogliere pienamente il concentrato di odio espresso da questo album. La voce in growl di Filippo, esasperata all’ennesima potenza, rende il sound cupo ed oscuro, e rappresenta forse il principale pregio di una band capace di costruire sette tracce (compresa l’introTitan Throne“) veloci e devastanti.
Notevoli, a mio parere, sono brani come “Lions and Hopeless” e “Philosophers“; anche se tendo ad esprimere giudizi sulla base del complesso e non delle singolarità, non posso fare a meno di riportare il brano “Raptorize“, che pur evidenziando delle buone idee di fondo presenta un breve cantato rappato che un po’ stona, se posso dire così, all’interno del contesto monolitico che si respira negli altri brani: ovviamente, se ci fosse bisogno di scriverlo, rispetto la scelta della band. Col tempo, a mio parere, si inizierà a definire con maggiore rilevanza la personalità del gruppo, il che – a prescindere da etichette e particolarità – è la cosa che conta di più. Ad ogni modo la produzione è di buon livello, l’ispirazione non manca e credo esistano ottimi presupposti per questa giovane band di fare bene anche in futuro.

A cura di Salvatore Headwolf

Band: Haye’s Grave
Titolo: Shadow’s Moses
Anno: 2011
Etichetta: Nessuna
Genere: Metal / Hardcore
Nazione: Italia

Tracklist:
1- Titan Throne
2- Philosophers
3- Lions and Hopeless
4- Raptorize
5- Hypocrisy
6- Grudgeholder
7- Shadow Moses

Lineup:
Filippo Puccetti-Voce
Claudio Brandani-Chitarra
Francesco Cicero-Chitarra
Vlad Magi-Basso
Manuel Stecher-Batteria

Website

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*