DHUNE – Silence Of Sound


Direttamente da Piacenza arrivano i Dhune, una di quelle band che non hai bisogno di leggere la data di nascita per capire che dietro c’è gente che ha seguito un lungo percorso per arrivare ad avere la padronanza attuale nel suonare un ottimo metal dalle influenze varie.

Infatti dopo un decennio passato nell’underground finalmente nel maggio 2012 esce “Silence Of Sound” per la
Revalve Records, un album di 10 tracce costituite da un cocktail rock metal, ben dosato senza mai esagerare o sbagliare le dosi.

Il disco prende sin dall’inizio e sin dalle prime note si sente la corposità del sound della band, dove ogni strumento cammina a fianco dell’altro con passo sincronizzato.

In “Addicted”, la prima traccia, si evince subito la capacità di scandire per bene la struttura delle canzoni con un sound per nulla monocorde. La voce di Elisa è perfetta per la band ed il loro sound. In “Fears Your Claim” si diventa cattivi e subentra la voce di Davide, uno splendida sezione ritmica con basso e batteria che picchiano alla grande.

“A Place to Be” è una delle ballad dell’album, dalle tinte gothic è un bel pezzo anche se un poco scontato, assolutamente meglio quando i Dhune graffiano i timpani. Di fatto subito dopo attacca “In Vain” e si ritorna a ruotare la testa nel vuoto mentre le chitarre raschiano, il basso impeccabile fa il suo sporco lavoro e la batteria spara colpi veloci e precisi. 
I Dhune producono song ben arrangiate con splendide melodie, ottime parti di basso e batteria, ed assoli all’altezza del genere che si prefiggono di suonare. Un esempio di arrangiamento e melodia è la power ballad “No Trace of You” dove la voce di Elisa è libera di librarsi sopra un dolce arpeggio di chitarra, un tappeto sinuoso creato dal basso, per poi scoppiare insieme alle distorsioni e la batteria nel refrain. Il disco scorre tra una traccia e l’altra piacevolmente e si chiude con l’ottima “Feeding” una quintaessenza delle varie influenze della band (Dream Theater su tutte).

Avendo un passato da musicista e più o meno la loro età non posso che ammirare la tenacia dei Dhune, una band che, se esiste una sorta di giustizia divina, merita un certo spazio nel panorama rock/metal italiano e non.
Keep the Faith

A cura di Blazer

Band: Dhune
Titolo: Silence Of Sound
Anno: 2012
Etichetta: Revalve Records
Genere: Alternative Rock/Alternative Metal
Nazione: Italia

Tracklist:
1- Addicted
2- Fears You Claim
3- A Place to Be
4- Invain
5- Needles and Rust
6- Hide Your Smile
7- Silence Of Sound
8- No Trace Of You
9- Evanescence
10- Feeding

Lineup:
Elisa Paganelli – voce
Davide Belfiglio – chitarra e voce
Francesco Destri – chitarra
Giovanni Antonelli – basso
Marco Campanini – batteria

Website

About Francesco Chiodometallico 11001 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*