CRYPTORSATAN – 666 Daemonicus Luciferis Lucifugus

Ormai non mi stupisce più il fatto di ritrovare i Cryptorsatan con un nuovo cd a cadenza quasi settimanale.
Il progetto, che cela dietro il proprio moniker l’albanese Lord Ov Hell, ormai noto tra le pagine di questo sito, riesce a proporre idee di vario tipo, alcune vincenti altre meno.
Il musicista riesce a passare con molta facilità da situazioni black metal sinfoniche a soluzioni hardcore, fino ad estremismi di ogni tipo!
Con questo nuovo demo ‘666 Daemonicus Luciferis Lucifugus’, egli si ripresenta con due tracce di cui, una che per poco non arriva ai due minuti di durata, ed un’altra che sorprendentemente arriva a poco più di cinque minuti, cosa davvero inusuale per i Cryptorsatan. Ma vediamo
più da vicino….
Apertura lasciata in mano a ‘Evil Fog (Depressive Cosmic Thoughts)’ dove una base ambient creata dai soli sinth fa da sottofondo per il cantato (che in realtà è più un parlato) che sembra registrato con un disperato e poco convincente scream soffocato. Come se durante la registrazione il musicista dovesse trattenersi dall’alzare la voce.
Molto elementari i testi, che narrano di una vittima nel mezzo di un bosco, raggirata da un’oscura nebbia dalla quale si cerca di scappare in ogni modo.

La produzione è totalmente casalinga, un home recording in tutti i sensi. Ma la cosa che mi fa piacere notare è la totale convinzione di Lord Ov Hell, un personaggio che crede fortemente in quello che fa e che ci tiene a dire la sua in ogni modo possibile.

Seconda traccia, non che ultima, è ‘666 Demons Inside… (The Art of Suicide, The Last Moments)’, che già dal titolo fa trasparire anche la tematica.

Si parla di una persona (una vittima) tormentata terribilmente dai demoni che per scappare da questi arriva a prendersi qualche pillola di deducibile barbiturico ed addirittura tagliarsi le vene dei polsi.
Quindi si arriva a constatare una certa mole suicide metal, ma trasportato in musica, oltre che nel modo di scrivere il testo, in maniera molto minimale che personalmente sistemerei.

Si parte con sonorità ambient creata dai sinth accompagnati da una cruda chitarra ed una lenta batteria. 

Ma a parte il testo niente nella parte sonora potrebbe far pensare ad un intento suicida. Anche se è costantemente presente una certa sfumatura negativa. 
La voce risulta essere registrata un pò troppo alta rispetto alla musica, sparando troppo in faccia lo smorzato scream, proposto come nel pezzo precedente. 
Ci si avvicina al finale dove rimane la sola chitarra che subito verrà stoppata per lasciare tempo ad una sfuriata dal sapore molto hardcore di vecchia scuola portato avanti da una drum machine poco convincente, per la qualità di resa, ed alcuni intrecci di chitarra e sinth che accompagnano al termine.

Non sono rimasto soddisfatto, per quello che mi aspettavo.
Il musicista ha proposto sino ad oggi tantissime soluzioni musicali, come citato anche prima, ma credo che  adesso sia arrivato il momento di mettersi a pensare quale di queste strade provate sia più comoda ed avanzare di livello, altrimenti si rischierebbe di rimanere fermi nella stessa posizione risultando troppo ripetitivi. Oltre all’impossibilità di trovare una seria etichetta interessata.

a cura di Francesco ChiodoMetallico
Band: Cryptorsatan
Titolo: 666 Daemonicus Luciferis Lucifugus
Anno: 2012
Etichetta: Nessuna
Genere: Ambient/Depressive Metal
Nazione: Albania
Tracklist:
1- Evil Fog (Depressive Cosmic Thoughts
2- 666 Demons inside… (The Art of Suicide, The Last Moment)
Lineup:
Lord Ov Hell – voce, chitarre, drum machine, sinth
-Website not available-

About Francesco P. Russo 11346 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*