Ci ha lasciati a 104 anni ART RUPE, primo produttore discografico Rock e fondatore di Specialty Records

Ci ha lasciati a 104 anni ART RUPE, primo produttore discografico Rock e fondatore di Specialty Records

Art Rupe, il fondatore della Speciality Records che ha contribuito a dar vita – discograficamente, all’R & B e alla musica Rock classica con artisti come Little Richard, Sam Cooke e Lloyd Price, è morto venerdì all’età di 104 anni.

La Arthur N. Rupe Foundation ha annunciato la notizia in una dichiarazione. Non è stata fornita alcuna causa immediata di morte.

Nato Arthur N. Goldberg il 5 settembre 1917, Rupe è cresciuto a McKeesport, Pennsylvania, appena fuori Pittsburgh. Nel 1939, si diresse a Los Angeles, dove cambiò il suo cognome dopo aver appreso che “Rupe” era il nome di suo nonno paterno prima di emigrare negli Stati Uniti. Ha lavorato in un equipaggio di ingegneri navali durante la seconda guerra mondiale e poi ha rivolto la sua attenzione al business della produzione di dischi, specializzandosi in musica che è stata poi classificata come “race record”.

Nel 1944, Rupe co-fondò la Juke Box Records, che fu responsabile di un successo regionale dei Sepia Tones, “Boogie #1”. Due anni dopo, nel 1946, fondò la sua etichetta, la Specialty Records.

Nel 1952, Rupe incontrò un adolescente Price, che registrò cantando la sua canzone “Lawdy Miss Clawdy”. Presentava Fats Domino al pianoforte e successivamente divenne il disco R&B più venduto dell’anno. Price incoraggiò anche un suo amico, Little Richard, a inviare le sue demo a Speciality, il che permise a Richard di sciogliersi da un precedente contratto. Un grande successo sarebbe arrivato pochi anni dopo, a metà degli anni ’50 con l’uscita di “Tutti Frutti” di Richard, che fu seguita da più canzoni di successo tra cui “Good Golly, Miss Molly”, “Lucille” e “Long Tall Sally”, oltre all’LP di debutto di Richard del 1957 Here’s Little Richard, tutti pubblicati tramite Specialty.

Rupe aveva anche firmato con un giovane Sam Cooke, allora membro del gruppo gospel Soul Stirrers, che ebbe un successo con “Jesus Gave Me Water” del 1950.

Nel 1990, ha venduto il catalogo di Specialty alla Fantasy Records e nel 1991 ha fondato la Arthur N. Rupe Foundation, il cui obiettivo è quello di ottenere “un cambiamento sociale positivo facendo brillare la luce della verità su questioni critiche e controverse” sostenendo anche i caregiver delle persone con demenza.

Price ha elogiato la visione rivoluzionaria di Rupe quando lo ha introdotto nella Rock Hall nel 2011. <<L’arte mi ha recentemente detto che la combinazione che abbiamo avuto oltre 60 anni fa – il mio particolare talento e il suo raro istinto di dirigente discografico – ha reso quella canzone quello che è; il primo disco rock ‘n’ roll a dissolvere la barriera cromatica tra il pubblico bianco e nero>>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: