WARSHOUT – Groenlendinga Saga

Premettendo che il viking black metal ed il viking metal in generale sono dei generi che non mi hanno mai appassionato, il lavoro dei Warshout, ‘Groenlendinga Saga’, mi lascia un pò perplesso.
Il lavoro è professionalmente registrato, si presenta molto bene dal punto di vista grafico e si vede che i ragazzi non hanno lasciato nulla al caso; però c’è da dire che la musica proposta appare un pò debole.
Musicalmente ci si trova davanti a sonorità death metal melodiche ed a sprazzi di black metal che attingono dal viking metal degli Enslaved di ‘Merdraum’ (vedi l’uso delle clean vocals), ma il lavoro non riesce a decollare. 

I brani sono spesso interrotti da lunghi arpeggi che forse potevano essere arrangiati dando più spazio a soluzioni rimtiche più interessanti e complesse, e, vista la presenza di due bassisti, si poteva puntare molto su questa loro caratteristica.
I brani sono , per carità, ben fatti ma si ha sempre l’impressione che i Warshout possano e debbano fare di più . Il pezzo più interessante è sicuramente ‘Greenland’s Aurora’ che rappresenta in pieno le potenzialità della band.
Nel panorama odierno pieno di band molto valide penso che si possa fare di più per emergere, detto questo faccio il mio in bocca al lupo ai Warshout affinchè riescano a tirar fuori il grande potenziale che si ritrovano.
a cura di Ferenc Nàdasdy
Band: Warshout
Titolo: Groenlendinga Saga
Anno: 2011
Etichetta: Nessuna
Genere: Death/Black/Viking metal
Nazione: Italia
Tracklist:

1- Banishment Of A Race
2- When The Longships Arrive
3- Saelingsdale
4- Greenland’s Aurora
5- From Brattahlid To Infinity

Lineup:

Matteo Bertolotti – voce
Pierpaolo Bulgarelli chitarra
Giuseppe Colli – basso
Alfredo Catellani – basso

Nicolò Bernini – batteria
About Francesco P. Russo 11338 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*