TORNADO – Amsterdamn, Hellsinki

La Listenable Record ci porta all’attenzione questi  olandesi Tornado, come descritto nelle righe di presentazione, “il frutto di una notte di sesso tra Slayer e Motley Crue”, affermazione che non nascondo, ha  molto suscitato la mia curiosità prima dell’ascolto. Per cui mi accingo velocemente ad una serie di ascolti per la recensione senza perder tempo…

Questo ‘Amnsterdamn, Hellsinki‘ non delude le mie aspettative, e suona un pò per come avevo immaginato (ad esclusione delle influenze dei Motley Crue, ma più intese come un’attitudine). Un thrash che prende riferimenti da un pò tutta la scuola americana retta da Slayer, Anthrax e Megadeth (questi ultimi li cito ora e mai più, poichè mi stanno poco simpatici).

Cominciando dalla produzione non posso che parlarne bene, ma d’altro cantosi parla di un disco registrato e mixato presso gli Abyss Studios di Mr. Tagtgren, quindi sapete già cosa aspettarvi da questo punto di vista. La musica proposta dalla band trasuda davvero una certa attitudine, oltre ad una notevole preparazione tecnica, per quel che concerne il suonare thrash metal. Pezzi travolgenti e ben composti, inserendo qua e là alcuni spunti personali, e tutto portato avanti da una classica base ritmica adatta al contesto.

Si imprime nel sistema uditivo sin da subito la voce un pò strafottente del frontman, un pò meno i pezzi. Un lavoro che, sono più che sicuro, farà felici la maggiorparte dei trhashers amanti della scuola della Bay Area dei tempi d’oro. Da ‘Hate worldwide‘, passando per ‘Eugenics‘ fino alla conclusiva ‘Rise, Disciples, Rise‘ si ha modo di essere investiti da un tornado sonoro ben riuscito.

All’interno di tutto, specialmente nella già citata ‘Eugenics‘ si ha modo di trovare alcune piccolissime influenze daei System Of A Down, ma le considererei più alcuni aloni di fondo, magari tratti dagli ascoltii background di questi ragazzi. Bellino il piccolo intermezzo melodico ‘Noora‘, peccato per la brevissima durata, ma se mi accingo ad ascoltare certi album, giustamente voglio violenza!

Pezzo che solleverei come highlight dell’album è ‘Priet Pedophilia‘ sia musicalmente che come testo. Ma ci tengo a citare anche la compulsiva ‘Tunisia Uprising‘ che in sede live porterà ad un violentissimo pogo.

Se volete un martello per distruggervi allegramente i padiglioni auricolari ed amate il thrash rinfrescato da attitudine Rock’n’Roll dovete procurarvi assolutamente questo lavoro ma non aspettatevi il capolavoro dell’anno!

a cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

  • Band: Tornado
  • Titolo: Amsterdamn, Hellsinki
  • Anno: 2011
  • Etichetta: Listenable Records
  • Genere: Thrash Metal
  • Nazione: Olanda

Tracklist:

  1. A Bold Statement
  2. Hate Worldwide
  3. 3 Of 8
  4. Massive Extinction Impact
  5. Eugenics
  6. Ignorance In Thy Name
  7. Noora
  8. Blue
  9. Priest Pedophilia
  10. Diva
  11. Tunisia Uprising
  12. Rise, Disciples, Rise

Website

About Francesco Chiodometallico 10579 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*