THE HYPOTHESIS – Origin

The_Hypothesis_album 2016

Diversi cambi di line-up permettono, agli Hypothesis, di trovare stabilità grazie alla presenza, dietro le pelli, di Rolf Pilve (Stratovarius), con la quale incidono un primo singolo.

Stabilità che viene scossa, ma non turbata, con un ulteriore cambio di formazione,questa volta definitiva, per proseguire nella composizione di singoli fino alla produzione del loro debut album ‘Origin’. Il secondo singolo ‘Shades To Escape’ fa da opener su un tappeto di patterns moderni sul quale la sezione ritmica procede senza appesantire con un risultato melodico in contrasto con le linee vocali in Growl.

‘Leak’ porta sui sentieri tipici del Death, attraversati da asce fendenti, corpose e veloci. Sinfonica, a tratti, è ‘End Of Your Days’ dalla struttura ricercata e graffiata dal bending. Il gioco di scambi tra tastiere e chitarre viene interrotto dai numerosi cambi di tempo, mentre la successiva ‘Scarface’, rappresenta il primo singolo (terzo in successione) con Pilve alla batteria, dallo stampo power grazie anche alle ritmiche più morbide e melodiche. Una sensazione di confusione progressiva domina ‘Exit’ che precede la modernità di ‘Atonement’, chiaramente influenzata dal prestigioso Power finnico. Genere che si rispecchia anche in ‘Eye For An Eye’, di cui è disponibile il videoclip ufficiale, ma presto personalizzato da un buon Growl.

‘Weak Story’ è il primo singolo rilasciato dalla band contraddistinto da linee di basso imponenti a sostegno del duo Growl / Scream per, poi, lasciare spazio all’assolo di chitarra. ‘Second Chance’ è una traccia interamente strumentale proiettata verso una prospettiva futuristica dal mood Power e chiude un debut album che fa ben sperare nell’avvenire degli Hypothesis. Band che ha saputo incastrare il genere di appartenenza tra la Modernità e la Tecnica esecutiva, sicchè da ricevere commenti positivi da loro colleghi, quali:

”I enjoyed a lot recording the guitar solo on this album, since the stuff sounds technically challenging yet catchy!”

Daniel Freyberg (Naildown / Children Of Bodom)

“Perfect marriage of death & melodic metal combined with stellar musicianship and great songwriting” 

Rolf Pilve (Stratovarius)

“The Hypothesis gives you the best headbanging and the biggest muscles!”

Noora Louhimo (Battle Beast)

“These newcomers from already awesome Finnish metal scene will hit you like a freight train with their modern melodic metal. Rookies hit the majors league with an instant home run!”

Tuomas Saukkonen (Wolfheart, Before The Dawn, Black Sun Aeon, Dawn Of Solace)

A cura di Benedetta Kakko Delli Quadri

  • Band: The Hypothesis
  • Titolo: Origin
  • Anno: 2016
  • Genere: Modern / Melodic / Death Metal
  • Etichetta: Inverse Records
  • Nazione: Finlandia

Tracklist:

  1. Shades To Escape
  2. Leak
  3. End Of Your Days
  4. Scarface
  5. Exit
  6. Atonement
  7. Eye For An Eye
  8. Weak Story
  9. Second Chance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: