SIN DEADLY SIN – Fall From Heaven

I Sin Deadly Sin sono la ricostruzione modificata degli ex Evenfall, dal 2009.
Roberta Staccuneddu (voce) e Max Boi (tastiera) sono i superstiti del vecchio, e fondatori del nuovo progetto, intenzionato a ripartire in maniera nuova e stilisticamente inedita.
Buoni propositi duri da attuare, soprattutto considerando che il Gothic è uno dei generi più particolarmente duri da rinnovare, nonostante ormai ci sia una varietà sproporzionata di ritmiche e stili per tutti i sottogeneri del Metal.

Il nuovo album ‘Fall From Heaven’ si apre con ‘Don’t Sleep Anymore’ che fa comprendere quanto la voce di Roberta sia qualitativamente buona e al contempo penalizzata dalla scarsa variabilità di tono. (infierita dalla strumentazione circostante). 
Tuttavia c’è da prendere in considerazione la ritmica dei riff di Mattia Mariotti, chitarrista, che riesce senza sfarzosi virtuosismi a dare quel tocco forte che salva molti passaggi dalla probabile noia causata dall’andamento poco imprevedibile. 

La band è pienamente definibile Gothic, ma per gli obbiettivi prefissati dai ragazzi, dubito che questa definizione possa essere per loro soddisfacente.
L’elemento da non sottovalutare e che, al contrario, incito ad aumentare e valorizzare è il fattore elettronico, che se accostato al Gotico nel modo giusto potrebbe dare risultati a dir poco interessanti.
Solo così si potrà iniziare a prendere in considerazione l’idea di parlare di novità, e magari di crescita attrattiva non solo per gli ascoltatori, ma anche per il mondo del Metal stesso.

Sfortunatamente il massimo del risultato è il ridursi a ricordare Amy Lee, Annette Olzon, Cristina Scabbia o Ville Valo, invece di delineare una luce che prende vita in autonomia assoluta, rompendo gli schemi e superando l’ “esame di prova” che tale genere sottopone ad ogni band che tenta di distinguersi per rinnovati mezzi.

Prendiamo invece in considerazione Tarja Turunen: Ha intrapreso la via del Gothic esattamente come tutta questa bella gente nominata pocanzi. Eppure, fatte le dovute eccezioni come ogni cosa, non c’è articolo, opinione di fans, o critica che sia, a parlare di lei in un modo differente, a prescindere dalla positività o negatività dell’opinione espressa su di lei. Questo perché talvolta non è solo questione di qualità , ma anche di stile (e viceversa).

Ho trovato l’ultima parte dell’ album maggiormente interessante.
In ogni brano c’è uno strumento che si delinea maggiormente (vedi l’assolo di ‘My Prayer’ , o le prime note di tastiera (di Max Boi) ripetuti saltuariamente durante il brano di ‘Nothing’.)
Infatti, i primi passi dell’ultimo brano citato sono delicati e positivamente contrastanti se accostate agli altri strumenti, grazie ai quali il brano mostra completezza e meno leziosità.
Nonostante la qualità e alcuni tratti interessanti dove si riscontra un accennato andazzo mix Gotico/Elettronico, non ho trovato nulla di definibile “diverso”.
Ritengo che la line-up con Mattia (chitarra) e Zeljko Marinkovic (batteria) sia fonte di maggiore attrattiva musicale. Chiunque abbia favorito il loro accesso si può vantare di buon gusto.
I Sin deadly sin hanno condiviso il palco con band degne di nota come Megadeth, Moonspell, Dark Tranquillity, Kreator, Behemoth e tanti altri, durante il Croatia Metalfest .

Buon ascolto & Stay (Gothic) Metal!!!

a cura di Catastro_FERY – Federica Bovenzi
Band: Sin Deadly Sin
Titolo: Fall From Heaven
Anno: 2012
Etichetta: Revalve Records
Genere: Gothic Metal/ Electro Goth
Nazione: Italia
Tracklist:

1- Take My Pain
2- Your Heaven
3- Don’t Sleep Anymore
4- Nothing
5- Moon Darkened Silence
6- Left Alone
7- Ophelia’s Dream
8- White December
9- Q.O.T.D.
10- My Prayer
11- From Your Lips

Lineup:

Roberta Staccuneddu – voce

Mattia Mariotti – chitarra
Max Boi – tastiere

Alessio Bergamo – basso
Zeljko Marinkovic – batteria

About Francesco Chiodometallico 11001 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*