Russell Allen + Overtures @ Dagda Live Club: il report della serata!

Serata che ha unito musica e beneficenza quella dello scorso Mercoledi 22 giugno al Dagda Live Club di Borgo Priolo (Pavia). Sul palco della sala live pavese infatti, grazie alla collaborazione con Truck Me Hard, House of Ashes e Giancarlo Trotta Entertainment, è arrivato, direttamente dal suo tour che ha toccato otto località italiane, lo storico cantante dei Symphony X e degli Adrenaline Mob, Russell Allen, per un live & workshop con il quale ha promosso il progetto di beneficenza a favore dell’Associazione Heroes Temporis For Autistic Children ONLUS. Ad accompagnarlo, per questa unica data lombarda, i goriziani Overtures, freschi di partecipazione all’edizione appena conclusa del Gods of Metal.

Russell-Allen_Overtures-report Dagda SUONI DISTORTI MAGAZINE

Overtures che danno il via alla serata e che propongono a loro volta un live & workshop nel quale il frontman, Michele Guaitioli, presenta al pubblico, tra un brano e l’altro, le funzionalità di quello che viene chiamato “palco muto”, ovvero un sistema di controllo dei suoni sul palco che avviene grazie all’utilizzo di un mixer in grado di comunicare tramite ipad con i membri del gruppo e gestire i suoni utilizzando degli ear monitor, sfruttando quindi solamente i canali di uscite (destro e sinistro) dell’impianto audio. Una tecnologia che il quartetto friulano sta utilizzando in questo tour promozionale per il loro nuovo album “Artifacts”, album da cui sono tratti molti dei brani in scaletta per questa serata.

Con loro sul palco, le bellissime e bravissime Nicoletta Rosellini (Kalidia) e Alessia Scolletti, in veste di coriste, già presenti anche sulle scene del mitico Gods of Metal. Prestazione come sempre grandiosa degli Overtures che avevamo già avuto modo di apprezzare lo scorso anno nell’edizione del Langhe Rock Festival 2015 e che anche in questa occasione non mancano di far sentire, eccome, la loro presenza sul palco.

IMG_3570
Con il pubblico già scatenato grazie all’esibizione magistrale degli Overtures, sul palco fa la sua comparsa Russell Allen, autentica leggenda vivente del panorama metal internazionale. Non solo musica come detto all’inizio, ma anche e soprattutto beneficenza, infatti il frontman dei Symphony X, porta in questo tour, nel quale l’obiettivo è raccogliere fondi a favore dell’associazione Heroes Temporis For Autistic Children ONLUS, che si occupa di trovare cure per i bambini che soffrono di forme di autismo, grazie alla vendita del cd “Heroes Temporis”, progetto dei Magni Animi Viri, con la partecipazione di Amanda Somerville (Somerville, Avantasia, Aina).

Durante il workshop, tradotto per l’occasione da Michele Guaitioli, Russell racconta la propria esperienza e quella della figlia, della quale mostra alcune foto, che da anni sta affrontando il percorso di cure con successo, avendo ottenuto grazie alla ricerca, risultati notevoli che le han permesso di condurre una vita del tutto normale nonostante questa problematica. L’emozione di Russell nel parlare di lei è tangibile ed è risultato davvero difficile non lasciarsi trasportare dalla sua voce, magnifica, in special modo quando ha dedicato il brano alla figlia, in un momento che definire toccante è riduttivo.

Oltre a tutto questo, ci si scatena anche con molti dei pezzi più amati dei Symphony X, pubblico letteralmente in delirio quando la voce di Russell tuona intonando le parole di “Paradise Lost” o di “Out of the Ashes”, senza dimenticare molti pezzi degli Adrenaline Mob, “Come on get up”, “Feel the Adrenaline” e “All on the Line”, per citarne alcuni.

IMG_3848
In conclusione, serata davvero indimenticabile, che ci ha regalato non solo grandissima musica ma anche e soprattutto tante emozioni, avere la possibilità di vedere da vicino un vero mito, che tra l’altro a fine serata si è concesso ai fans per firmare autografi e fare foto in una maniera piacevolmente amichevole, è stata davvero un’esperienza unica nel suo genere. Lo scopo nobile della serata poi ha contribuito a renderla ancor più speciale e meritevole di esser vissuta. Per l’ennesima volta mi trovo a constatare con grande gioia, che grandi personaggi possono, e spesso hanno, come in questo caso, avere un grande cuore e un’umiltà tale da renderli ancora piu leggendari ai nostri occhi.

Foto & Report a cura di Fabry C.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: