THE MANGES – All is Well

THE MANGES – All is Well

THEMANGES_ALLISWELL300I Manges, la punk-rock band originaria di La Spezia, ha pubblicato lo scorso 24 aprile il quarto album, intitolato “All Is Well” per Monster Zero Records (Eu) e curato da Hervé Peroncini (leader dei Peawes).

In vent’anni di storia i Manges hanno pubblicato 3 dischi e decine di singoli usciti in 7” o su compilation (raccolti l’anno scorso nel’antologia in triplo LP dal titolo “Everything released on 7” 93-13”) e hanno collaborato e suonato con mostri sacri del calibro di Screeching Weasel, Queers, Heads, McRankins, CJ Ramone e  Bad Religion.

Non sono un’amante della musica punk-rock ma devo dire che l’ascolto di questo album è stata una gradevole sorpresa e una buona sprezzata di sound estivo nelle grigie serate invernali. L’album è subito molto allegro, fin dalle prime note, e non ci si può esimere dall’ancheggiare a ritmo di musica.

Ma non ci facciamo illudere dalla sola armonia, approfondendo testi e tematiche dei brani di ‘All is Well’ si arriva a capire che è  un disco dai contenuti importanti, dove la band affronta tematiche come guerra, la depressione o ansia verso la modernità con lo stile e lo humor nero che la contraddistinguono anche se rispetto agli album precedenti i toni si fanno meno cupi e si torna a parlare anche di infanzia e amore.

‘All is Well’ è un chiaro omaggio al punk rock di vecchia data, dotato però di una produzione moderna: con suoni precisi e arrangiamenti semplici. Il disco, composto di dodici tracce velocissime (12 pezzi racchiusi in 25 minuti) è molto omogeneo, anche se, brani così rapidi, ti lasciano qualche punto interrogativo al primo ascolto. Ti caricano con il loro ritmo nella fase iniziale e ti lasciano un pò spiazzata quando improvvisamente terminano, interrompendo l’ascolto in modo un pò brusco.

L’album si apre con ‘Crocodile in my Head’, pezzo capace di far capire in pochi secondi di che pasta è fatto l’intero album: sound alla Ramones, pezzi veloci e energia da vendere.

Per cambiare registro bisogna aspettare ‘Love is a Disease’,  pezzo più ragionato e con un ritmo più adagiato. Si riparte con ‘Panic at the Ice Rink’, sempre con la formula dei primi pezzi. Mentre si sfiora un’atmosfera più seria e meno festaiola con ‘Don’t bet on Me’. A questo punto della tracklist arriva il personale omaggio della band alla folk singer del passato Melanie Safka, con la cover di ‘I tried to die young’. Seguita dalla strumentale ‘Topolinia’, che fa da preambolo a ‘Secret Agent Super Dragon’, pezzo scritto da Dan Vapid degli Screeching Weasel e arrangiato dalla band spezzina. L’album si conclude con altre due tracce cariche di energia .

In questo disco troverete un punk rock suonato ad altissimo livello, denso di richiami retró ed immediato quindi, se siete amanti di questo genere musicale, non potrà mancare nella vostra discografia.

A cura di Zoe

  • Band: The Manges
  • Titolo: All is Well
  • Anno: 2014
  • Etichetta: Monster Zero Records
  • Genere: Punk Rock
  • Nazione: Italia

Tracklist:

  1. Crocodile In My Head
  2. My Bad
  3. Plan Honolulu
  4. Love Is A Disease
  5. Panic At e Ice Rink
  6. Don’t Screw Up e Formula
  7. Don’t Bet On Me
  8. I Tried To Die Young
  9. Topolinia
  10. Secret Agent Super Dragon
  11. I Just Wanna Make You Cry
  12. Lone Commando (All Is Well)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: