LUPERCALIA – Complete Darkness

LUPERCALIA – Complete Darkness

LupercaliaOggi vi parlo dei Lupercalia, progetto estremo calabrese nato nel 1996 dall’unione di forze tra GLK e Deathhead (entrambi dei Glacial Fear). In questo mese di Marzo è uscita la raccolta ‘Complete Darkness’, una chicca old school riportata in luce dalla neonata CMI production in cassetta con tiratura limitata a sole 100 copie. Il contenuto consiste nel primo demo della band risalente al 1996, il Mcd del 1999 e due brano sino ad oggi inediti composti uno nel 1998 e l’altro più recente nel 2014. Ma vediamo meglio il contenuto di questa interessante tape che vi farà viaggiare per sinistri ed oscuri territori.

Le quattro tracce iniziali sono le stesse che compongono il primo demo dei Lupercalia risalente all’ormai lontano 1997 intitolato ‘Per Amica Silentia Lunae’. Si aprono le “danze” con la cadenzata e glaciale ‘At Night With Wolves’ che a primo impatto mi ha fatto venire in mente gli episodi più lenti e sulfurei del Burzum di ‘Det Som Engag Var’, ma le impressioni restano laterali poichè la composizione ha una sua oscura luce propria. Un tempo scandito dalla base ritmica che avvinghia letteralmente la mente dell’ascoltatore travolgendola con una verve quasi ipnotica ed un fondo malinconico. Il rauco e arcaico scream si pone come una sorta di voce narrante che viene accompagnata lungo il cammino da riff ed arpeggi toccanti ed emozionanti che donano una certa aurea nordica e pesantemente oscura. Ma non mancano alcune aperture più melodiche e linee solistiche che aumentano la caratura del brano.

La stessa aria cadenzata, sinistra e primordiale si trova in ‘Crypto Magick’, con alcuni riff che tendono a sfociare anche in territori lievemente heavy. ‘Proxima Centauri’ ha una ritmica tirata con la drum machine ben programmata che supporta i tappeti di chitarra, mentre tastiere e sinth restano presenti ma mai invadenti. Alcune melodie di queste mi hanno portato sensazioni un po’ pagan. ‘Eliogabalo’ è un momento esclusivamente strumentale che chiude il demo, dove a far da padrone, come del resto un po’ in tutto il lavoro, le chitarre – che avvolgono chi ascolta in maniera sempre sinistra ma affascinante e per certi aspetti anche sognante, creando soluzioni ambient dalla gradevole fruizione.

Si passa a uno dei due brani inediti con ‘Soulless Pray’ (del 1998); dove la musica diventa più aggressiva e lo scream prende corposità, grazie anche all’accostamento di una seconda linea vocale. Le parti di chitarra toccano anche punti epici e ancestrali. Si passa al Mcd ‘The Moaning Age’ del 1999, dove i Lupercalia  decidono di rinnovarsi pur senza snaturare la propria indole.

Da ‘Flora Magica’, dove alle chitarre che vanno in direzioni gothic si accostano percussioni orientaleggianti, fino a ‘Club Des Haschischins’ con i suoi tappeti di tastiere e sinth dai tratti “space” ci si muove in vari territori fondamentalmente variegati , pur mantenendo un filo conduttore di base. In queste più recenti composizioni la vena gothic dunque si palesa con “prepotenza” con melodie ammalianti (‘Asleep Inside The Mist’) ma senza snaturare l’indole black e diretta, come la violenta ‘The Moaning Age’ e ‘Shadowfest’.

In chiusura non poteva che esserci una bella mazzata come ‘The Wrath’, il secondo brano dei Lupercalia sino ad oggi inedito composto nel 2014. Un assalto nel nome del nero verbo che vi travolgerà come una tormenta glaciale. Una produzione ovviamente più “moderna” dove lo scream diventa ancora più incazzato e ferale come la scuola black metal vuole, innalzandosi su basi ritmiche guerrafondaie e monolitici muri di chitarra. Non si sdegnano neanche qui le tastiere che ben si accostano al tutto senza mai avanzare più del dovuto. Alcuni momenti conditi da un cantato pulito ed evocativo contribuiscono a rendere ancora più interessante la composizione.

Tirando le somme, alla fine dell’ascolto, ci si rende conto che se non era per la CMI Production un lavoro simile molti giovani se lo sarebbero perso, il che sarebbe stato triste visti i contenuti. Ogni amante del black metal e della musica oscura in generale farebbe bene a procurarsi ‘Complete Darkness’ dei Lupercalia, ma fate in fretta che sono solo 100 copie!

A cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

  • Band: Lupercalia
  • Titolo: Complete Darkness
  • Anno: 2015
  • Genere: Black Metal / Gothic Black
  • Etichetta: CMI Productions
  • Nazione: Italia

Tracklist:

  1. At Night With Wolves
  2. Crypto Magick
  3. Proxima Centauri
  4. Eliogabalo
  5. Soulless Pray
  6. Flora Magica
  7. Asleep Inside The Mist
  8. The Moaning Age
  9. Shadowfest
  10. Club Des Haschischins
  11. The Wrath

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: