LUCA TURILLI’S RHAPSODY: Prometheus, Symphonia Ignis Divinus

Luca-Turilli’S-RHAPSODY-prometheus

L’eterna lotta tra il Bene e il Male è sempre stato il filo conduttore di tutto il songwriting di Luca Turilli. Il suo personale percorso spirituale sul soprannaturale lo porta alla visione del Presente al di là di quella materiale. Basato sull’Evoluzione Spirituale dell’Ego, è legato al delicato concetto secondo il quale occorre capire di appartenere al nulla per appartenere al tutto.

Attraverso un’energia creativa, quella che a Ginevra viene definita come ”energia fotonica primordiale”, si scopre che la materia scaturisce da una luce iniziale e, nella spiritualità,l’amore connette l’essere all’energia primordiale stessa.

”Nova Genesis” fa da punto di partenza in stile epico trionfante tra cori gregoriani, voci clean e citazioni apocalittiche. A rappresentare l’Evoluzione Spirituale è un Prometeo moderno che incarna la saggezza, ben introdotto nella seconda traccia “Il Cigno Nero” su un tappeto di piano presto interrotto dalle tipiche sonorità power. Le linee vocali in italiano accompagnano i virtuosismi di chitarra e i cori lirici elevano il mood. Cori che diventano gotici in “RosenKreuz”, nella quale viene descritta la figura di Cristiano Rosacroce, fondatore dell’ordine omonimo e legata all’idea di prototipo dell’uomo che rinasce seguendo il suo essere divino; il tutto su una base epica moderna. ”Anahata” si sviluppa su un sound quasi drammatico, sicchè da risultare più oscura anche grazie agli accenti orientali.

La voce del sensitivo italiano Gustavo Adolfo Rol introduce “Il Tempo Degli Dei” su un notevole tappeto di piano che si riversa in cavalcate power con il compito di creare un ponte tra Spirituale e Materiale. ”One Ring To Rule Them All” spezza il concept dell’album ed, essendo una traccia aggiunta successivamente, nasce dall’ispirazione data da un viaggio in Nuova Zelanda. Un Conti straordinario imita alla perfezione la voce di Gollum e l’esperienza mistica derivatane si rispecchia nel sound tipicamente tolkeniano. Traccia interessante e intensa, pur non essendo molto elaborata è “Notturno”, la cui alta chiusura spirituale ben introduce “Prometheus”. Dalla struttura sinfonica moderna, è caratterizzata da importanti riffs di chitarra presentando meglio la figura del Prometeo turilliano: egli non ha né Passato, né Futuro giacchè entrambi gli spazi temporali convergono in un unico Presente nel quale verranno rivelate verità e saggezza.

Degna di nota è anche “King Solomon And The 72 Names Of God” con il suo mood cinematico, particolarmente orientale. Si tratta di una traccia a tratti oscura, caotica, che passa dalla suspance all’esplosione del Power sinfonico per poi riportare l’ascoltatore a cospetto di re Salomone. Segue “Yggdrasil”, dedicata all’albero cosmico appartenente alla mitologia norrena, dalle atmosfere Zen sovrastate dall’immensità degli archi. Caratterizzata da un break in stile mediavale e da assoli incrociati che giocano con le tasiere e con i fiati, precede “Of Michael The Archangel And Lucifer’s Fall Part II: Codex Nemesis”, che risulta, invece, molto più complessa nella composizione che raccoglie tutta l’essenza dell’album in quanto spazia in diversi generi e ha durata notevole.

La chiusura di questo secondo album dei Luca Turilli’s Rhapsody è la bonus track “Thundersteel”, cover dell’omonimo brano dei Riot, in versione cinematica. E’ un album che omaggia la bellezza della lingua italiana, ma anche di quella latina e dell’inglese: lingue che lo rendono altresì vario. Rende giustizia al chitarrista, tastierista nonchè arrangiatore Luca Turilli che, grazie alla sua passione per il Cinematic Metal, conferisce modernità e, allo stesso tempo, epicità al suo progetto trattando argomenti delicati appartenenti a scienza, metafisica, fisica quantistica e a miti e leggende.

A cura di Benedetta Kakko Delli Quadri

  • Band: Luca Turilli’s Rhapsody
  • Titolo: Prometheus. Symphonia Ignis Divinus
  • Anno: 2015
  • Genere: Cinematic Power Metal
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Nazione: Italia

TrackList:

  1. Nova Genesis (Ad Splendorem Angeli Triumphantis)
  2. Il Cigno Nero
  3. Rosenkreuz (The Rose And The Cross)
  4. Anahata – 5:03
  5. Il Tempo Degli Dei
  6. One Ring To Rule Them All
  7. Notturno
  8. Prometheus
  9. King Solomon And The 72 Names Of God
  10. Yggdrasil
  11. Of Michael The Archangel And Lucifer’s Fall Part II: Codex Nemesis
  • I.Codex Nemesis Alpha Omega
  • II.Symphonia Ignis Divinus (The Quantum Gate Revealed)
  • III.The Astral Convergence
  • IV.The Divine Fire Of The Archangel
  • V.Of Psyche And Archetypes (System Overloaded)
  1. Thundersteel (bonus track) [R.I.O.T cover Cinematic Version feat Alle e Ralf Scheepers]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: