LE COSE DI CENERE – Le Cose Di Cenere

A questo giro presentiamo una band proveniente dal Piemonte, Le Cose Di Cenere, moniker che, oltretutto, trovo particolare ed carino.
Il combo vede luce nell’autunno del 2010 ed arriva alla tappa del primo demo, omonimo, nell’Agosto 2011; che dovendo etichettare, in maniera da dare qualche linea guida, direi che si tratti di un mix di alternative rock melodico e grunge.

I quattro pezzi racchiusi in questo dischetto, ottimamente cantati in italiano, mettono in mostra dei ragazzi amanti della musica che non vogliono limitarsi ad un genere prestabilito, senza porsi troppi limiti.

In apertura troviamo ‘Attimo’, una canzone molto melodica, con influenze da ritrovare nel panorama italico, e intendo bands sulla falsa riga dei Negramaro, con qualche lieve velatura presa in prestito dalle situazioni più soft del grunge. Canzone molto radiofonica, che nel ritornello propone anche qualche influsso dei Verdena. Ben riuscita anche la parte verso il finale, dove è presente uno stacco molto atmosferico dal quale i musicisti ripartono con una buona grinta.

Segue ‘Brumaspira’, con soluzioni molto soft accompagnate da una chitarra echeggiante, sulla quale le linee vocali si muovono in maniera molto melodiosa e dolce.
La performance di tutti i musicisti è buona, che si alternano tra situazioni molto calme ed alcune piccoli innalzamenti di “tenzione”, seppur si resti sempre in soluzioni musicali non incazzate.
La registrazione palesa il fatto che siamo al cospetto di un demo, ma risulta gradevole, riuscendo a mettere in linea tutti i suoni.
A circa metà canzone, che dura sei minuti e mezzo, troviamo un’accelerata di matrice grunge che giunge quasi subito in momenti soffusi, dove le chitarre creano un tappeto sonoro avvolgente, forti anche di una buona base ritmica.

Per quel che concerne il genere, avrei evitato volentieri un pezzo di tale durata, che, seppur metta in mostra le qualità della band, ipnotizzando anche l’ascoltatore, svia un pò lo stesso. Da sottolineare anche come in alcuni piccoli frangenti siano presenti aloni noiseggianti. Nota di merito ai testi ben scritti, in italiano, come indicato prima.
Bella anche ‘Dadosfera’, che riporta in mente i Verdena dei vecchi tempi, tra momenti prettamente malinconici e alcune incazzature convincenti. Di fondo si rivela anche una vena vagamente psichedelica, che, come nel pezzo precedente, riesce ad avere un certo effetto “ipnotico”.

Le Cose Di Cenere, hanno ben in mente quello che vogliono fare, ma dovrebbero affilare un pò la proposta, cercando, oltretutto, di delineare un pò meglio il sound, che comunque risulta piacevole all’ascolto e riesce a coinvolgere bene.
In alcuni momenti spunta anche qualche influenza tratta dalla scena grunge degli anni novanta, oltre che le già indicate dal panorama alternative rock italiano.

Conclude il demo ‘Il Velo’, dove una chitarra pulita crea una melodia di fondo che sarà la base di tutta la canzone. Anche qua viene evidenziata la capacità del vocalist/chitarrista di sapersi esprimere in maniera molto convincente, risultando molto ispirato e preparato.
Dopo una parte rafforzata dai riff un pò più aggressivi si giunge ad un bell’assolo, che, come anche negli altri pezzi, mostra un bravo chitarrista. Ed è proprio con l’assolo che si arriva alla fine del pezzo.

Arrivati al conto, non si può negare la preparazione dei nostri, che cercano in ogni modo di ammaliare l’ascoltatore, riuscendoci anche, ma è indubbio il fattoc he occorre una crescita, sia per l’impostazione delle canzoni, sia per riuscire a delineare, come detto poco fa, uno stile più definito, che non vuoldire evitare varie influenze.
Attendiamo con piacere il prossimo lavoro…..

a cura di Francesco ChiodoMetallico
Band: Le Cose Di Cenere
Titolo: Le Cose Di Cenere
Anno: 2011
Etichetta: Nessuna
Genere: Grunge/Alternative Rock
Nazione: Italia
Tracklist:
1- Attimo
2- Brumaspira
3- Dadosfera
4- Il Velo
Lineup:
Davide Scafidi – voce e chitarra
Lorenzo Marzolo . chitarra
Paolo Fizzotti – basso
Paolo Confalonieri – batteria
About Francesco Chiodometallico 10574 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*