La magia dei Concept Album, da riscoprire in tempo di Quarantena

L’emergenza che sta coinvolgendo il nostro Paese ha scompaginato le vite di ognuno di noi. Sappiamo bene che l’unico modo per fermare i contagi da Coronavirus è di restare in casa il più possibile. Durante questa “quarantena nazionale” le giornate sembrano infinite e pur dedicandoci più attentamente e affettuosamente alle persone vicine (per chi in casa ha la fortuna di non essere solo) e ad attività spesso abbandonate o non abbastanza coltivate, avvertiamo comunque quel senso di noia, di inutilità.

Molti hanno optato per il recupero dell’ascolto di dischi un pò trascurati, attivando talvolta però un meccanismo schizofrenico che ci porta a cambiare continuamente registro, stili, artisti, epoche. Il mio consiglio è quello di ascoltare dischi che racchiudono racconti, come se fossero dei film in musica. Nel gergo musicale trattasi di concept album.

Ve ne consiglio sette, uno al giorno. I migliori, a mio avviso, del panorama musicale italiano.
(trovate le playlist di youtube per l’ascolto)

EDOARDO BENNATO  Burattini Senza Fili (1977)
La storia di Pinocchio rivisitata in chiave rock. Un’efficace metafora delle distorsioni generate dal potere, tema molto caro al cantautore napoletano.

DONATELLA RETTORE Kamikaze Rock ‘n’ Roll Suicide (1982)
Il tema dominante è la filosofia del suicidio, proposta anche in chiave ironica, come nel celeberrimo brano ‘Lamette’. E Donatella coinquista anche i palati più fini.

CAPAREZZA Museica (2014)
Il titolo è una crasi tra “musica”, “museo” (ogni brano è ispirato a un’opera d’arte) e “sei” (è il sesto album di Caparezza). Un disco che, come ha detto il cantante pugliese, <<più che ascoltato, va visitato>>.


FABRIZIO DE ANDRE’ La Buona Novella (1970)
Non solo affascinante ma coraggioso disco per la scelta dell’argomento. Il progetto però delude i ragazzi dell’epoca
per il tema religioso e i cattolici che giudicano blasfema la trattazione.

BAUSTELLE Fantasma (2013)
Progetto figlio dei fantasmi della nostra epoca, dove il tema aggregatore è il trascorrere del tempo. In tredici tracce e sei intermezzi strumentali vengono scandagliate le nostre paure, le nostre solitudini, i nostri incubi.

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO Darwin! (1972)
Il disco vuole musicare la teoria dell’evoluzione di Darwin; dai testi alle atmosfere fino alle meravigliose musiche pienamente progressive, Darwin! è diventato un vero e proprio cult. 

NEW TROLLS Senza Orario Senza Bandiera (1968)
Il primo vero e proprio concept album italiano. Con De Andrè autore dei testi, i New Trolls mettono in musica prevalentemente poesie del bravo Riccardo Mannerini, con Fabrizio anche nel celebre Cantico Dei Drogati.

A cura di Samuel B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: