IN CASE OF CARNAGE – Medication Time

Gli In Case Of Carnage sono un sestetto che vede luce nel 2009 in quel di Roma. Nello scorso 2011 la band si stabilizza come formazione ed inizia a costruire i propri pezzi, che oggi vengono proposti tramite questo loro Ep d’esordio ‘Medication Time’.

Già dall’opener, ‘Endorphin Rush’, il lavoro si presenta con una buona produzione, capace di mettere in linea tutti i volumi, risultando gradevolissima.
La proposta dei nostri è un death metal tecnico e dal sound fresco e moderno. Una commistione di
velocissimi balst beat e momenti più cadenzati, ma non per questo meno pesanti. Ottimi gli intrecci di riff e la “convivenza” delle due voci, lo scream di HELLeonore, tagliente e ruvido, ed il growl di Paolo, possente e profondo.
‘Horryfing’ parte più sparata, travolgendo l’ascoltatore in un turbine sonoro violento e ben impostato. La base ritmica martella alla grande, senza mai un passo falso e mostrandosi ottimamente coordinata. La band non si fa mancare alcuni contro tempi, piccole cavalcate infernali e vortici chitarristici monolitici.
I pezzi sono abbastanza articolati, non seguendo costantemente la stessa idea, cosa che farebbe risultare noioso il tutto, rischiando di rendere l’Ep stantìo, variando spesso con alcuni tecnicismi e cambi di ritmica vincenti e ben congeniati.

Nella successiva ‘Shrift’ si parte con alcune stoppate che lasciano subito spazio ad una violenza a propulsione davvero cattiva e cazzuta.
Ben inserito all’interno della song, un’intermezzo soft dove si arriva ad un flavour fusion.
Poco dopo tempi cavalcanti dove le due voci vi annienteranno per la violenza perpetrata. E ci tengo a sottolineare, a tal proposito, la grande ispirazione ed attitudine palesata dai cantanti, oltre che dai musicisti. Tutti e sei i componenti della band sono capaci e di un certo spessore, cosa veramente eccellente.
Si arriva alla conclusione del pezzo attraverso mitragliate sanguinolente e piccoli sprazzi di finta calma, giusto per permettere all’ascoltatore di riprender fiato.

Termina il lavoro la quarta ed ultima traccia di questo massacrante Ep ‘Two Sides Of A Man’, dove una base ritmica trita sassi non conosce pause, con chitarre a ruggenti e le due voci che creano una certa forma di dialogo ottimamente riuscito.
Durante il tutto, alcune scale portate all’esasperazione dalla sei corde che sembra a tratti impazzita. Un pezzo di una violenza paurosa, fermo restando che non parliamo di violenza fine a se stessa, poichè ogni singola parte di questo cd è ben ragionato e composta con cognizione di causa.
Inaspettate alcune aperture, durante il pezzo, dal sapore fortemente jazz. Cosa che vi spiazzerà, positivamente parlando, ovviamente.

Arrivando al conto, una band che si mostra davvero in ottima forma, che sa quello che fa, e lo fa benissimo.
Vi suggeriamo caldamente di procurarvi questo Ep e tenere d’occhio la band….. se i nostri continuano i loro passi, per come hanno iniziato, ne vedremo delle belle davvero!
Complimenti a tutti e sei i componenti di questa ottima band!

a cura di Francesco ChiodoMetallico
Band: In Case Of Carnage
Titolo: Medication Time
Anno: 2012
Etichetta: Nessuna
Genere: Technical Death Metal
Nazione: Italia
Tracklist:

1- Endorphin Rush

2- Horryfing
3- Shrift
4- Two Sides Of A Man
Lineup:

HELLeonore – voce scream
Paolo – voce growl
Simone – chitarra
Massimo – chitarra
Enrico – basso
Giulio – batteria

About Francesco Chiodometallico 10998 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*