HASTUR – The Black River

 

Attivi dal 1993 e dopo un totale rinnovamento della lineup originaria, gli Hastur tornano sulla scena Death italiana con ‘The Black River’, primo vero e proprio album ufficiale. Una voragine inghiotte le urla e gli spari trascinando, sotto la pioggia, lungo le rive della titletrack.

Si apre uno Scream e, successivamente, il Growl si muove attraverso blastate e riffs pesanti. Segue ‘Consumer Of Souls’, le cui linee vocali vengono accentuate dai riverberi, mentre la struttura ritmica si rende più interessante nella parte centrale. L’assolo si fa spazio tra i riffs di chitarra perditivi. Il break di cassa annuncia un sound distruttivo che riprende la prima parte e va a chiudere la traccia. La stessa energia brutale avvolge ‘Infamous’ e un cambio di tempo melodico viene ben sostenuto dalle ritmiche atmosferiche per,poi, essere interrotte dal blastato al quale segue un assolo veloce e stridente. Una cavalcata di riffs prende il sopravvento in ‘Possessed’ il cui mood si espande anche grazie agli assoli incrociati e frenetici. Le lancette dell’orologio scandiscono i secondi che passano su ‘The Clock Of Devil’. Una voce femminile introduce la strofa che risulta brutale per un Growl profondo e molto inerente alla traccia.

‘Hate Christians’ sceglie un andamento più cadenzato e orecchiabile senza escludere cambi di tempo e assoli ricercati. Riffs corposi accompagnano le pelli blastate, facendo di ‘Brain Buried’ una traccia intensa e più stabile nella ritmica, escludendo l’assolo veloce in chiusura. ‘Prisoner Of Christ’ è rappresentata dalla carica belligerante delle chitarre e da momenti più riflessivi e chiusi. Anche ‘Purgatory’ alterna momenti dinamici a momenti più lenti andando a chiudere l’album. Un album che trasmette la maturità musicale dei singoli componenti della band che propone un buon Death Metal old school e che desta molta curiosità anche nell’esecuzione live in quanto sprigiona carica ed energia per un headbanging scatenato.

A cura di Benedetta Kakko Delli Quadri

  • Band: Hastur
  • Titolo: The Black River
  • Anno: 2016
  • Genere: Death Metal
  • Etichetta: Black Tears
  • Nazione: Italia

TrackList:

  1. Black River
  2.  Consumer Of Souls
  3.   Infamous
  4.  Possessed
  5. The Clock Of Evil
  6.  Hate Christians
  7.  Brain Buried
  8.  Prisoner Of Christ
  9.  Purgatory

 

 

Leggi anche...

Torna in alto