HARDCORE SUPERSTAR – The Party Ain’t Over ‘Til We Say So

Gli Hardcore Superstar sono stati all’epoca del loro debutto una bella sorpresa rockeggiante dai paesi nordici, se non pensiamo ai norvegesi Stage Dolls più vecchi di quattordici anni, artisticamente parlando. Dopo un buon demo del 1998, i nostri iniziarono a sformare album festaioli e travolgenti ogni circa due anni, dall’inizio di questo millennio ad oggi. Il loro hair metal con suoni freschi e moderni, oltre ad una buona dose di pop, ha attratto migliaia di ragazzi nel mondo facendoli avvicinare agli svizzeri e facendo sì che ad oggi la band può vantare sette tour mondiali con frequentissimi sold out. Per festeggiare i dieci
anni di carriera, o sarebbe più corretto dire onorata carriera, quest’oggi, ed intendo freschissimo di stampa ed uscito proprio oggi 26 Ottobre, gli Hardcore Superstar propongono una raccolta che comprende alcuni dei loro pezzi migliori ‘The Party Ain’t Over ‘Til We Say So’, (il titolo è ispirato dalla loro canzone ‘Last Call For Alcohol’) presi un pò da tutti i loro album, cioè dal primo del 2000 all’ultimo dello scorso 2010. A tutto ciò i nostri hanno inserito un inedito intitolato ‘We Don’t Need A Cure’ che segue molto lo stile musicale a cui la band ha abituato i propri fans specialmente nell’ultima parte di carriera, e sinceramente senza dire nulla di nuovo. Atmosfera  festaiola, dove un tempo costante ben sostenuto dalla buona base ritmica fa da colonna portante di tutti i quasi quattro minuti del pezzo, su cui entrano in gioco bei riff avvolgenti, con anche spazio per un assolo carino, ma brevissimo e banale. La voce personalissima ed inconfondibile di Jocke si pone con la sua solita verve vagamente strafottente e dall’ascolto graffiante, mostrando un front man in ottima forma, come del resto anche tutti gli altri componenti. Il ritornello ed i cori di guarnizione sono la parte più travolgente  della canzone, che prende molto dal pop radiofonico degli anni novanta, praticamente il pezzo è una vera e propria radio hit che vi si stamperà in testa in modo estremamente facile, un pezzo del tutto elementare. Dando un parere personale ammetto che il pezzo mi è piaciuto, ma da fan e dovendo dire la mia opinione obiettiva, mi sarei aspettato qualcosa di più dagli svedesi, soprattutto per un occasione come il festeggiamento di una decade di carriera. E non parlo di qualcosa diverso dal gratest hits, che volendo va bene anche se nulla di particolare, ma parlo proprio del pezzo inedito, che non ha nulla in più di altri loro pezzi, semplicemente un pezzo in più nella loro discografia. Se siete fans della band e volete anche questo nuovo pezzo in cd acquistate questo ‘The Party Ain’t Over ‘Til Say So’, ma solo per il pezzo inedito, o al massimo per avere un cd dove poter prendere alcuni degli episodi migliori di tutta la loro carriera, ed io avrei anche aggiunto l’adrenalinica ‘Hey Now’ tratta dal loro primo album, ma è un mio gusto e non toglie la validità degli altri pezzi presenti. Se non conoscete, o conoscete davvero pochissimo la band l’acquisto di questa raccolta commemorativa potrebbe essere un modo per conoscerla meglio e farvi ancor di più un idea su tutto quello che sono stati gli Hardcore Superstar sin dagli esordi fino ad oggi. Ed ora tutti a rockeggiare!

a cura di Francesco ChiodoMetallico

Band: Hardcore Superstar
Titolo: The Party Ain’t Over ‘Til We Say So
Anno: 2011
Etichetta: Nuclear Blast
Genere: Hair Metal/Glam/Pop
Nazione: Svezia

Tracklist:
1- We Don’t Need A Cure
2- We Don’t Celebrate Sundays
3- Moonshine
4- My Good Reputation
5- Wild Boys
6- Someone Special
7- Dreamin’ In A Casket
8- Into Debauchery
9- Here Comes That Sick Bitch
10- Last Call For Alcohol
11- Beg For It
12- Liberation
13- Bastards
14- Medicate Me
15- Standin’ On the Verge
16- Still I’m Glad
17- Have You Been Around
18- Shame
19- Honey Tongue
20- Run To Your Mama

Lineup:

Jocke Berg – voce
Vic Zino – chitarra
Martin Sandvick – basso
Magnus “Adde” Andreasson – batteria

About Francesco P. Russo 11339 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*