FALLEN FUCKING ANGELS – Italian Restaurant

Li hanno definiti gli Anvil italiani e non c’è da stupirsi visto il loro sound, un heavy metal tout court,senza tanti fronzoli,immediato e diretto.

Fallen Fucking Angels, un moniker per certi aspetti originale, in linea con il tipo di metallo da loro suonato; toscani di nascita i nostri sono attivi dal lontano 1997 e fino ad oggi hanno pubblicato diverso materiale: 3 dischi ufficiali (compreso questo ‘Italian Restaurant’, fresco di uscita) più una serie di demo che portano il gruppo a farsi conoscere nel piccolo ma prolifico mondo dell’underground italico. La band però ha problemi di line-up e fin dalla nascita non riesce a stabilizzarsi fino allo scioglimento nel 2005.

Filippo Belli, batterista e mente del gruppo non si dà per vinto e cerca di rinascere dalle ceneri della sua stessa creatura, chiamando a sè musicisti fidati: Gianluca Erra al basso, Stefano Giusti (Twilight Zone) alla chitarra. Belli decide, in mancanza di un vocalist, di passare proprio nel ruolo di cantante, ma la band ancora soffre di instabilità e siamo nel biennio 2008-2010. I problemi finiscono con l’entrata di Alberto Moriani e Leonardo Tomei (ex Tornado), rispettivamente chitarra e basso.

Nel corso della loro ormai decennale e più carriera i FFA hanno portato avanti un’attività live mostruosa; se nella scena locale hanno suonato con Axevyper (il cantante Luca Cicero è stato il primo vocalist dei FFA), Monolith, Twilight Zone e Scavenger, al di fuori del Granducato i nostri ci hanno messo del loro, suonando accanto a mostri sacri dell’HM classico: Exciter, Jag Panzer, Jaguar per citare quelli che hanno già scritto capitoli di storia del metallo.

Con l’uscita di ‘Italian Restaurant’ nel marzo di quest’anno, gli angel caduti partecipano all’Acciaio Italiano Festival in compagnia di Skanners, TIR, Dangerzone, Impero delle Ombre. Proprio ‘Italian…’ è oggetto di questa recensione, prodotto dalla Noisy Hour Records, è un disco di puro speed ottantiano e ovviamente tra le infleunze di questi ragazzi non si possono non citare gli Anvil ma anche i connazionali Exciter e se si va più in giù troviamo anche Agent Steel e Savage Grace, il tutto mischiato al miglior Heavy di matrice europea, compresa la gloriosa NWOBHM; se Motorhead e e primi Saxon ritornano nel sound grezzo della band, gruppi come Tankard e Muro li ritroviamo nella vena più Heavy della band.

‘Italian Restaurant’ parte con un piccolo intro strumentale che prende il nome di ‘Lost Over The Mountain’, batteria incalzante ad opera di Belli che mette subito in chiaro le cose: è lui l’anima e la mente del gruppo ma senza togliere niente agli altri tre membri che fanno il loro lavoro e questo si noterà attraverso le nove tracce del disco. Se ‘Annapurna’ (titolo bizzarro) ci riporta immediatamente alle sonorità thrash-speed ottantiane, la Title-track è un mix micidiale di heavy e speed alla Agent Steel mischiato alla più intransigente NWOBHM. Riff semplici si intersecano in un tessuto sonoro grezzo e sporco.

Tra i migliori pezzi di questo disco spicca ‘Roadpigs On The Highway’ in cui troviamo i nostri collaborare con Gerre dei thrasher tedeschi Tankard. Track più lenta delle precedenti ma forse più bella per la suggestione sprigionata da un tessuto sonoro epico. E ancora la migliore tradizione speed che sposa il primo thrash ritorna in brani carichi di energia quali ‘Vega(n)azism’ e ‘Ludicrous Speed’. Scanzonata e divertente è ‘B Movie Mania’, inno al cinema tricolore anni ’70 e all’italianità dei nostri che ovviamente cantano qui in lingua madre.

‘Less But Better’ è un granitico heavy speed mischiato con i migliori Motorhead e i primi Saxon. Il sipario si chiude con ‘I’m The Stopper’, brano di cui esiste un video promozionale che fa perno sul mondo del calcio, visto che il brano parla del calciatore Pasquale Bruno.

Da ascoltarli in sede live, soprattutto, i FFA. Brani come questi su disco rendono poco poi se la qualità sonora non è delle migliori… Ma hanno energia e talento, un gruppo che dimostra come l’underground heavy Italiano sia in ottima salute e pieno di ottime band.

a cura di Sonia SteelDiamond

  • Band: Fallen Fucking Angels
  • Titolo: Italian Restaurant
  • Anno: 2012
  • Etichetta: Noisy Hour Records
  • Genere: Heavy/Speed Metal
  • Nazione: Italia
Tracklist:
  1. Lost Over The Mountain (Intro)
  2. Annapurna
  3. Italian Restaurant
  4. Road Pigs On The Highway (feat. Gerre – Tankard)
  5. Vega(n)azism
  6. Ludicrous Speed
  7. B-Movie Mania
  8. Less But Better
  9. I Am The Stopper

Website

About Francesco Chiodometallico 10574 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*