Chi saranno i prossimi NIRVANA? La Grunge Pop Records lancia le prime proposte!

Chi saranno i prossimi NIRVANA? La Grunge Pop Records lancia le prime proposte!

Questa è la grande domanda. Ma chi saranno effettivamente i prossimi Nirvana?!? Nessuno. È impossibile. Nessuno sarà mai Kurt Cobain e nessuno scriverà più quelle canzoni. Ma quella frase ‘The next (riempire lo spazio vuoto di ogni grande band del passato)’ è stata usata più e più volte perché stiamo tutti cercando quella prossima grande band da chiamare nostra. Il tipo di band che ispira il cambiamento. Quel tipo di band che accende un nuovo movimento. Il tipo di band che stimola la tua anima. Da dove verrà la prossima grande band? Aberdeen? Seattle? Glasgow? Chissà.

Ma una cosa certa è che i Nirvana hanno influenzato abbastanza musicisti che qualsiasi cosa anche vicino loro attiri l’attenzione degli amanti della musica a cui manca – o non ci sono mai stati perché non sono ancora nati – il primo movimento grunge.

Alcuni membri dello staff della nuova etichetta indie Grunge Pop Records hanno visto i Nirvana al loro primo concerto a Seattle. Hanno visto e sperimentato i Nirvana prima ancora di aver registrato il loro debutto ‘Bleach’. Nessuno sapeva quanto sarebbero diventati importanti, né credeva che sarebbero passati dal suonare davanti quasi nessuno – e in tre brevi anni – a diventare la più grande band del mondo; e rendendo il termine ‘grunge’ una sensazione mondiale.

Bene, questo 24 settembre sarà il trentesimo anniversario del celebre album ‘Nevermind’ dei Nirvana e si scatenerà l’inferno a livello globale. Grunge Pop Records è già in movimento per trovare e presentare al mondo la prossima ondata di band grunge e ne hanno già trovato alcune, con molte altre in arrivo.

10 fatti su KURT COBAIN dei NIRVANA che non tutti conoscono

Le prime due band ad entrare nel roster dell’etichetta sono Barb Wire Dolls e Prince Of Lilies, mentre altre si aggiungeranno a breve.

Barb Wire Dolls

I Barb Wire Dolls rilasceranno un nuovo singolo con video il 10 settembre 2021, mentre uno split/single uscirà in 7″ il prossimo inverno. Nel 2015 i Barb Wire Dolls furono segnalati direttamente da Lemmy Kilmister alla sua etichetta Warner Music.

Da quando si sono formati, nel 2008, i Barb Wire Dolls hanno partecipato a novecento spettacoli e festival in venticinque paesi, hanno suonato sui palchi principali ai festival Wacken, Riot Fest, Mighty Sounds, Texas Showdown, Inklife e Rebellion, si sono esibiti in tutto il Vans Warped Tour (2017), hanno onorato ventisei copertine di riviste, hanno pubblicato tre album, hanno pubblicato cinque libri, si sono esibito sulla TV nazionale ed hanno avuto un successo radiofonico commerciale numero 1 in Brasile. Firmato con la Warner/Chappell per la pubblicazione di un disco, erano rappresentati dal manager di Lemmy, Todd Singerman e da Neil Warnock, capo della United Talent Agency.

 

Prince Of Lilies

I Prince Of Lilies pubblicheranno un singolo con video il 25 luglio 2021, che anticiperà il debut album ‘Vent’, in uscita il 24 Settembre. Nel prossimo inverno rilasceranno uno split/single in 7″.

Sembra che escano dalla Seattle negli anni ’90. I Prince Of Lilies stanno sfornando epiche crude, distorte, a quattro accordi di vecchia scuola con sonorità rinfrescate. Presentati dalla stampa britannica come ‘I Nirvana che incontrano gli Hüsker Dü’ e ‘Il suono dei Kings Of Leon abusato dai Nirvana’, i Prince Of Lilies fondono grunge, punk e thrashing garage rock.

Il loro prossimo album di debutto ‘Vent’ è stato registrato in soli due giorni da Steve Albini (Nirvana, Iggy Pop & The Stooges, Pixies, Fugazi), ed è il tipo di album che ti fa credere di nuovo nel potere della musica rock appassionata. Facendo eco a brani come il disco di debutto dei Nirvana o il primo Soundgarden, il materiale di Tad e Mudhoney – o qualsiasi altra cosa sul primo catalogo Sub Pop – queste sono canzoni pop dinamiche con un tocco hardcore, che sostituiscono la fluidità per una sensazione live grintosa e un’attitudine punk.

BARB WIRE DOLLS: le foto dal concerto di Milano al Rock In Park

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: