CALICO JACK – Panic In The Harbour

Calico Jack - Panic in the Harbour

Calico Jack, noto anche come capitan John Rackham, era un famigerato predatore dei mari, che bazzicava dalle parti del Mar dei Caraibi durante l’Età dell’Oro della Pirateria. E’ famoso per aver inventato il Jolly Roger, la bandiera pirata per definizione, e per aver avuto nella sua ciurma le due donne pirata piu’ forti di sempre: Anne Bonny e Mary Read.

Si apre così la biografia dei Calico Jack, band milanese attiva dal 2011 con già una demo alle spalle, ‘Scum of the Seas, 2012, che arriva ora alla pubblicazione del suo primo EP, ‘Panic in the Harbour’. Titolo e copertina evocativi della proposta del gruppo: folk metal a tema piratesco dalle marcate influenze anni ‘80 condite dal violino di Dave che appare subito come punto di maggior forza della band.

I brani sono tutti ben realizzati ma forse troppo poco immediati per poter essere veramente apprezzati. Soprattutto i riff del sopracitato violino di Dave sono davvero interessanti ma potrebbero essere sostenuti meglio dal resto del gruppo. Manca insomma un po’ il tiro tipico di colleghi più blasonati come Alestorm o Swashbuckle, soprattutto alla batteria che non sostiene con l’adeguata potenza tutta la struttura.

I momenti più belli dell’album sono quelli a più alti bpm, in particolare ‘Grog Jolly Grog’ è a mio parere la migliore del disco. Qui potremo sentire dei bei giri di chitarra (con un ben eseguito assolo) e anche un corto quanto apprezzato solo di basso. Anche ‘Where Hath th Rum Gone?’ non è davvero male e può essere presa ad esempio lampante di ciò detto prima: un giro di violino davvero portante con un bel ritornello che però viene troppo rallentato e scarnificato quando il violino manca.

L’EP in realtà risulta di un minutaggio abbastanza scarso per tirare conclusioni, solo 4 pezzi per 24 minuti, ma l’idea che mi sono fatto è quella di un gruppo valido che però deve ancora trovare un’amalgama sonora perfetta e uno stile vero e proprio.

In conclusione, ‘Panic in the Harbour’ non permette di trarre delle conclusioni su ciò che sono o che saranno i Calico Jack ma mette sicuramente in mostra delle buone frecce all’arco dei milanesi (o per meglio dire, dei buoni proiettili ai loro archibugi) che, unite alla inevitabile simpatia di un gruppo che parla di pirati, possono essere apripista per uscite più importanti.

Concludo con la frase che chiude la biografia della band che mi sembrava doveroso citare:

“Il chitarrista Toto prende le distanze da tutto ciò che riguarda Johnny Depp e Orlando Bloom.”

a cura di Federico “Jezolk” Lemma

  • Band: Calico Jack
  • Titolo: Panic In The Harbour
  • Anno: 2013
  • Genere: Pirate Metal/Folk Metal
  • Etichetta: Nessuna
  • Nazione: Italia

Tracklist:

  1. Where Hath th’ Rum Gone?
  2. House of Jewelry
  3. Grog Jolly Grog
  4. Deadly Day in Bounty Bay

Website

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: