CAELESTIS – Nel Suo Perduto Nimbo

Il progetto Caelestis nasce nel 2010 come one-man band e dopo tre full lenght e un Ep dal sound New Age/Post Rock, dà vita a un album decisamente differente. Ci si trova immersi in un songwriting composto dalle poesie di Cataldo Capiello (alias Caelestis) che poggia su un post metal elettronico,  ed è per questo motivo che il nuovo album ‘Nel Suo Perduto Nimbo’ appartiene al genere atmospheric/industrial black metal.

Ci si abbandona in un viaggio mentale caotico con la prima traccia ‘Pioggia Del Cuore’ in cui gli effetti strumentali del synth, i numerosi contro tempi e la voce sussurrata costituiscono già elementi black. 
Con ‘Ai Confini Del Cielo’ l’ambientazione si fa più interna e intensa. Il tipico black ride pesante scandisce il tempo per poi alleggerirsi e ritornare a tratti risonante in contrapposizione al tappeto strumentale leggero offerto dal piano. Un gong/crash apre la terza traccia ‘Spettri Metropolitani’ che segue la struttura della precedente creando un’atmosfera quasi zen. Il risultato di questa sperimentazione musicale è meglio comprensibile nella seguente ‘Corre Il Fulmine Dagli Occhi’: le distorsioni in entrata si sviluppano in un sound che proietta l’immagine fantastica di un’invasione aliena. La quinta traccia ‘Dove La Luce’ contiene il testo della poesia di Ungaretti che fa da monicker all’album.
Un triste piano iniziale dà la base al bel cantato di Vera Clinco, accompagnato dalle chitarre che riescono a distinguersi e a farsi strada non appena subentra la voce di Caelestis che si orienta ancora una volta verso lo spettrale black. Il full lenght si chiude con ‘Turchese e Amaranto’ e ‘L’Ha chiamato Orizzonte’ in cui sono presenti tante belle armonie di piano ed effetti usati nel modo più vario e travolgente possibile. 
Lo sperimentalismo di Caelestis permette di trovare una chiave di lettura interessante per questo progetto e rende accessibile quello che potrebbe essere il mood complesso del black metal. Una chiave che spinge la mente a semplificarne l’interpretazione (in relazione a suddetto lavoro ovviamente).
Tale concetto è molto più chiaro dopo aver ascoltato attentamente tutto l’album.
a cura di Benedetta K. Delli Quadri
Band: Caelestis
Titolo: Nel Suo Perduto Nimbo
Anno: 2012
Etichetta: Nessuna
Genere: Atmospheric/Industrial Black Metal
Nazione: Italia
Tracklist:

1- Pioggia del Cuore
2- Ai Confini del Cielo
3- Spettri Metropolitani
4- Come il Fulmine dagli Occhi
5- Dove la Luce
6- Turchese e Amaranto
7- L’ha chiamato Orizzonte

Lineup:
Cataldo Cappiello – voce, pianoforte, chitarre, basso, sinth e drumming
special guest:
Vera Clinco – voce su ‘Dove La Luce’
About Francesco Chiodometallico 11003 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*