CADAVERIA – Silence

CADAVERIA – Silence

Cadaveria

Decisamente lontano dal precedente ‘Horror Metal’già recensito -, ‘Silence’ è un album più personale e profondo. Ne dà prova fin dalla prima traccia ‘Velo (The Other Side Of Hate)’ in cui ci si addentra immediatamente in un mood diretto composto da sezioni ritmiche taglienti e d’impatto.

Il break strumentale nella parte centrale permette il cambio di stile delle linee vocali che passano dal growl al clean,per poi lasciare spazio all’assolo finale. I riffs iniziali lasciano sulla soglia di ‘Carnival Of Doom’, nella quale si entra definitivamente con l’invito vocale di Cadaveria. Ed ecco che riappare il growl, simbolo di una parte oscura onnipresente e tema del songwriting dell’album. ‘Free Spirit’ risulta più frenetica e aggressiva con più cambi di tempo e linee vocali doppiate.

Segue ‘The Soul That Doesn’t Sleep’ e il sound cupo e oscuro è ben sostenuto dai riffs introspettivi; così come le linee di basso che scavano nell’animo tormentato, conferendo e regalando alla traccia anche un cambio di stile. Il lento intro di ‘Existence’ viene abbattuto dall’irrompente batteria, la quale completa la sezione ritmica costruita intorno alla voce. La fase di chiusura è riaffidata a un notevole tappeto di piano.  ‘Out Loud’ è una cavalcata veloce e apprensiva che precede ‘Death, Again’ che, invece, rallenta l’andamento dell’album in sintonia con l’argomento trattato, sicchè da analizzare entrambi i lati e da creare il contrasto tra vita e morte anche grazie all’alternarsi del clean al growl.

Più interessante è la struttura di ‘Exercise 1’ in quanto presenta più cambi di tempo e la voce sospirata assume un colorito più profondo e intenso. Un altro intro di piano smorzato dà vita alla nona traccia ‘Almost Ghostly’ che si sviluppa su un gioco tra Death tipico e break eterei accompagnati dal clean. Un growl agghiacciante è il protagonista della seguente ‘Loneliness’ contenente un assolo più studiato, veloce e più lungo nella parte finale. La calma apparente che avvolge, inizialmente, ‘Strangled Idols’ viene sopraffatta da un’atmosfera diversa: il break cambia stile, gli accenti sono più epici e melodici dal sapore gotico, il tutto adornato dalla bellissima voce clean dell’artista.

Come accennato all’inizio, ‘Silence’ è un  album più profondo e personale studiato e costruito sulla personalità di Cadaveria, la quale, difficilmente sbaglia il tiro.

A cura di Benedetta Kakko Delli Quadri

  • Band: Cadaveria
  • Titolo: Silence
  • Anno: 2014
  • Genere: Horror Metal
  • Etichetta: Scarlet Records
  • Nazione: Italia

Track List:

  1. Velo (The Other Side Of Hate)
  2. Carnival Of Doom
  3. Free Spirit
  4. The Soul That Doesn’t Sleep
  5. Existence
  6. OutLoud
  7. Death, Again
  8. Exercise 1
  9. Almost Ghostly
  10. Loneliness
  11. Strangled Idols

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: