BLACK MIDI – Hellfire

BLACK MIDI – Hellfire

Il terzo disco dell’incredibilmente talentuosa band inglese Black Midi oscilla tra precisione clinica e folle abbandono.

I Black Midi (stilizzato in black midi) sono una delle band più intriganti nella fiorente scena post-rock del Regno Unito e hanno raccolto un enorme seguito di fan.

Il loro nuovo album ‘Hellfire’ è inizialmente una prospettiva scoraggiante, i temi lirici della religione e dell’aldilà si legano a un sentimento più ampio e generale di nichilismo ed esistenzialismo che è prevalente in tutto l’album. Questi temi sono, ovviamente, accompagnati da una vibrante miscela di industrial math rock, acid jazz, sludgy punk e psichedelia euforica.
La vasta gamma di testi, voce e strumentazione dell’album è, di per sé, un tributo alla pura abilità musicale di questa band.

Quando si tratta di puro talento, non si può non citare il batterista Morgan Simpson, che grazie al suo cronometraggio consente loro di suonare in modo così selvaggio con i tempi in chiave, fondendo il tutto con un ritmo impeccabile. È la vera chiave dei black midi e la sua chimica con Greep e Picton consente a quest’ultimo di scrivere paesaggi sonori monumentali di una caratura superiore.

Tali paesaggi sono all’ordine del giorno su tutto l’album, come dimostra ad esempio la traccia ‘The Race is About to Begin’, dove il motore di Simpson come batterista guida il rock industriale e brutalista all’inizio del brano, prima di percuotere i suoi compagni di band con un ritmo imponente. Anche i tagli più jazz funzionano, ancora una volta con i talentuosi riff chitarristici di Greep che marciano al ritmo di Morgan.

Altro pezzo monumentale è ‘Welcome To Hell’, che non poteva avere nome più appropriato, poiché la combinazione di paranoia massimalista nei testi e cambi di tempo strumentali da capogiro sembrano la discesa in un attacco di panico musicale, mentre l’ascoltatore è travolto da un post-rock cacofonico e d’avanguardia.

I black midi sono una di quelle band che continueranno a rinvigorire con qualcosa di nuovo e inedito ad ogni uscita.
Sebbene molti dei segni distintivi della band mostrino il volto – anche più pesante – in qualche modo il loro ultimo disco suona miracolosamente e orribilmente nuovo, dimostrando la loro avversione per qualsiasi ripetizione insensata.

A cura di Antonello Sambucci

  • Band: Black Midi
  • Titolo: Hellfire
  • Anno: 2022
  • Genere: Avant-Prog/Experimental Rock/Math Rock/Jazz-Rock
  • Etichetta: Rough Trade
  • Nazione: Inghilterra

Tracklist:

  1. Hellfire
  2. Sugar/Tzu
  3. Eat Men Eat
  4. Welcome To Hell
  5. Still
  6. Half Time
  7. The Race Is About To Begin
  8. Dangerous Liaisons
  9. The Defence
  10. 27 Questions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: