BEHEADED – Never To Dawn

61622_beheaded_never_to_dawnSicuramente non hanno bisogno di presentazioni i Beheaded, band maltese che rappresenta una colonna portante del brutal death mondiale, che oltre ad ammirare dal punto di vista musicale ho avuto il piacere e l’onore di gustare in sede live nella 7 edizione del Vulgar Fest (Ottobre 2012 in Puglia). Le differenze dal precedente ‘Ominous Bloodline’ (del 2005)  fanno di questo ‘Never To Dawn’ l’apice della loro carriera, un album perfetto sotto ogni punto di vista che lancia il mix tra brutal death e personalizzazione del sound dei Beheaded verso traguardi molto più ambiziosi.

Ascoltate il riff di ‘Elapsed In The Vortex Of Extinction’, se foste sopravvissuti a tanta furia, consolatevi… era solo l’inizio. ‘Lament Of a Sordid God’, ‘Where Hours Etch Their Name’ e ‘Perished Into Existence’ dimostrano quanto i Beheaded fondano le sonorità novantiane con la loro interpretazione di metal estremo, creando un prodotto sonoro qualitativamente superiore, supportato dalle singole prove puramente devastanti. I riff vorticosi e furiosi si incastrano perfettamente ad una sezione ritmica atta a devastare in ogni sua dimostrazione, un sound spaventosamente feroce, pulito, diretto ed impreziosito da una produzione eccellente ed interpretato da Frank, che con la sua versatilità tra growl e screaming dimostra di essere uno dei migliori frontman mondiali.

Dalla title track a ‘Descent Into Sanguinary Seas’ e chiudendo con ‘The Ancient Acume’ è pazzesco vedere come i maltesi abbiano saputo fondere a loro piacere gli stili più svariati, dai Morbid Angel ai Deeds Of Flesh, dai Nevermore ai Cannibal Corpse e dagli Psycroptic ai Carcass… Una band poliedrica, dalle svariate influenze, capace di originare un sound talmente ricco e personale in questo ‘Never To Dawn’ da porlo ben oltre il semplice concetto di brutal death metal. La produzione sonora in totale stile Unique Leader (l’etichetta discografica della band, ndr) tira fuori un muro sonoro che non lascia scampo, preciso, chirurgico e devastante, suonato egregiamente ed interpretato magnificamente. ‘Never To Dawn’ rappresenta il sunto del sound dei Beheaded. Tecnicamente mostruosi, attitudine da vendere e personalità nell’espressione del brutal death più estremo. Di sicuro un album a cui tante band anche più blasonate dei maltesi dovrebbero ispirarsi! Magnifico, devastante e puro, come ogni album di metal estremo dovrebbe essere.

A cura di Marco Furia

  • Band: Beheaded
  • Titolo: Never To Dawn
  • Anno: 2012
  • Genere: Brutal Death Metal
  • Etichetta: Unique Leader Records
  • Nazione: Repubblica di Malta

Tracklist:

  1. Elapsed In The Vortex Of Extinction
  2. Lament Of a Sordid God
  3. Where Hours Etch Their Name
  4. Perished Into Inexistence
  5. Never To Dawn
  6. Dead Silence
  7. Towards An Abducted Sun
  8. Descent Into Sanguinary Seas
  9. The Ancient Acumen

Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: