10 album Power Metal fondamentali.

untitled

In questo articolo, che appartiene alla rubrica degli album fondamentali del Metal, presento la mia top 10 relativa al Power. I criteri di scelta utilizzati seguono, innanzitutto, la definizione stessa del genere Power,  successivamente prendono in considerazione tutta la storia della band in questione. L’oggettività e dunque l’obiettività vanno di pari passo con la capacità della band di creare il proprio capolavoro attraverso l’equilibrio tra entrambi i songwriting, curando teatralità e completezza anche nello scegliere le appartenenti guests.

1

1. Sonata Arctica – ‘Ecliptica’ (1999)

E’ il primo album e segna l’inizio di una importante carriera della Band finlandese. Anche se presenta influenze del Power risalente all’anno di nascita, costituisce e definisce l’impronta versatile e sperimentale che accompagnerà, successivamente, diversi lavori.

TrackList:

  1. Blank File
  2. My Land
  3. 8th Commandment
  4. Replica
  5. Kingdom for a Heart
  6. FullMoon
  7. Letter to Dana
  8. UnOpened
  9. Picturing the Past
  10. Destruction Preventer
  11. Mary-Lou (bonus edizioni giapponese,coreana e sudamericana)

2

2. Blind Guardian – ‘Nightfall In The Middle Earth’ (1998)

Ben ventidue tracce a costituire uno dei capolavori più belli nel genere. E’ un Concept album che nasce con l’intenzione, più che raggiunta, di musicare e dar vita propria al “Silmarillion” di Tolkien. Il risultato è sicuramente un disco complesso il cui ascolto non stanca mai.

TrackList:

  1. War of Wrath
  2. Into the Storm
  3. Lammoth
  4. Nightfall
  5. The Minstrel
  6. The Curse of Fëanor
  7. Captured
  8. Blood Tears
  9. Mirror Mirror
  10. Face the Truth
  11. Noldor (Dead Winter Reigns)
  12. Battle of Sudden Flame
  13. Time Stands Still (at the Iron Hill)
  14. The Dark Elf
  15. Thorn
  16. The Eldar
  17. Nom the Wise
  18. When Sorrow Sang
  19. Out on the Water
  20. The Steadfast
  21. A Dark Passage
  22. Final Chapter (Thus Ends…)

Avantasia-The_Metal_Opera-Frontal

3. Avantasia – ‘The Metal Opera I’ (2001)

Gli Avantasia nascono dalla geniale mente di Tobias Sammet (Edguy) che riesce ad ottenere sempre e comunque capolavori stilosi. Si avvale di guest preziosissime che contribuiscono a mantenere alta la nomea del prodotto. Bello e completo, è un concept album che narra la storia di un mondo fantastico e parallelo a quello umano, Avantasia appunto.

TrackList:

  1. Prelude
  2. Reach Out For The Light
  3. Serpents In Paradise
  4. Malleus Maleficarum
  5. Breaking Away
  6. Farewell
  7. The Glory of Rome
  8. In Nomine Patris
  9. Avantasia
  10. A New Dimension
  11. Inside
  12. Sign Of The Cross
  13. The Tower

437faed7fc10141c1abcd0a5b212a50c_full

4. Avantasia – ‘The Metal Opera II’ (2002)

Seconda parte studiata e rilasciata successivamente che completa l’”Opera”.

TrackList:

  1. The Seven Angels
  2. No Return
  3. The Looking Glass
  4. In Quest For
  5. The Final Sacrifice
  6. Neverland
  7. Anywhere
  8. Chalice Of Agony
  9. Memory
  10. Into The Unknown
  11. Chalice Of Agony edit version (Bonus Track)
  12. Avantasia single version (Bonus Track)

freedom

5. Freedom Call – ‘Eternity’ (2002)

Terzo album per una delle band “master”. Lo speed metal, infatti, non può fare a meno di lavori come questo che include qualità e melodia allo stato puro di cui è difficile sbarazzarsi soprattutto se vengono proposte in modi soddisfacenti.

TrackList:

  1. Metal Invasion
  2. Flying High
  3. Ages of Power
  4. The Spell
  5. Bleeding Heart
  6. Warriors
  7. The Eyes of the World
  8. Flame in the Night
  9. Land of Light
  10. Island of Dreams
  11. Turn back Time

edguy_rocket_ride_2006_retail_cd-front

6. Edguy – ‘Rocket Ride’ (2006)

Tobias Sammet prende sempre in pieno il suo bersaglio. Non sbaglia con gli Avantasia, perché dovrebbe farlo con la sua band di riferimento? Questo album si allontana un po’ dagli altri muovendosi su un mood più Hard &Heavy, ma risponde pienamente alle esigenze trattate in questo articolo, basti ascoltarlo.

TrackList:

  1. Sacrifice
  2. Rocket Ride
  3. Wasted Time
  4. Matrix
  5. Return to the Tribe
  6. The Asylum
  7. Save Me
  8. Catch of the Century
  9. Out of Vogue
  10. Superheroes
  11. Trinidad
  12. Fucking With Fire
  13. Land of The Miracle (live in Brazil) (bonus track edizione limitata)
  14. Reach Out (bonus track edizione giapponese)
  15. Lavatory Love Machine (versione acustica) (bonus track edizione giapponese)

6

7. Stratovarius – ‘Visions’ (1997)

Il Power Metal finlandese deve molto ai cugini dei Sonata Arctica. E’ un disco che dimostra  maturità  ed, essendo un Concept che ruota intorno alla figura di Nostradamus, presenta ricchezza di stile e profondità di songwriting.

TrackList:

  1. The Kiss of Judas
  2. Black Diamond
  3. Forever Free
  4. Before the Winter
  5. Legions
  6. The Abyss of your Eyes
  7. Holy Light
  8. Paradise
  9. Coming Home
  10. Visions (Southern Cross)

7

8. Symphony X – ‘Paradise Lost’ (2007)

Un esempio del vero Progressive Power Metal è dato da questo album. L’accoppiata vincente si chiama Allen/Le Pond e il “Paradiso Perduto” di Milton fa da teatro all’intero lavoro.

TrackList:

  1. Oculus ex Inferni
  2. Set the World on Fire (The Lie of Lies)
  3. Domination
  4. The Serpent’s Kiss
  5. Paradise Lost
  6. Eve of Seduction
  7. The Walls of Babylon
  8. Seven
  9. The Sacrifice
  10. Revelation (Divus Pennae ex Tragoedia)

c_burntofferings_400

9. Iced Earth – ‘Burnt Offerings’ (1995)

Impossibile non pensare a questo combo americano. E’ il primo album con Matt Barlow di cui si sentirà fortemente la mancanza nella discografia futura. Contiene riferimenti religiosi, mitologici e biblici affrontati in modo egregio. Notevole è l’ultima e lunghissima traccia ispirata alla “Divina Commedia” di Dante.

TrackList:

  1. Burnt Offerings
  2. Last December
  3. Diary
  4. Brainwashed
  5. Burning Oasis
  6. Creator Failure
  7. The Pierced Spirit
  8. Dante’s Inferno

9

10. Prima Fear – ‘New Religion’ (2007)

Oltre che con la voce degli Edguy, la Germania si fa sentire anche con quella di Michael Kiske e compagni. Un lavoro doveroso che comunica la maturità della band che propone arrangiamenti orchestrali e la presenza di una vocal guest notevole, quella di Simone Simmons.

  1. Sign of Fear
  2. Face the Emptiness
  3. Everytime It Rains
  4. New Religion
  5. Fighting the Darkness
    1. Fighting the Darkness
    2. The Darkness
    3. Reprise
  6. Blood on Your Hands
  7. The Curse of Sharon
  8. Too Much Time
  9. Psycho
  10. World on Fire
  11. The Man (That I Don’t Know)

A cura di Benedetta Kakko Delli Quadri

About Benedetta Kakko 138 Articles
Entra nello Staff di SDM nel 2012 come collaboratore interno,recensore e reporter.Con grande passione per i generi Rock&Metal,inizia a suonare la batteria per poi proseguire il suo studio per qualche anno.Il merito va tutto a Mike Portnoy che definisce il "suo master per eccellenza".Ma la sua vera e propria ossessione è Tony Kakko,frontman dei finlandesi Sonata Arctica.Adora i SONATA ARCTICA e band italiane quali:Secret Sphere,RuinThrone,From The Depth,Skylark,Elvenking,The Ritual e tante altre. Ulteriori collaborazioni:Resp.Nord Italia con la rubrica “Italian Power Metal Emergency”per Archivio Metallico Italiano;Collaboratrice e Resp. Comunicazione Web per Altamira Events; Promoting & Supporting bands;Resp. Rubrica Benedetta’s Metal Kitchen su Brutal Crush.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*