Il Woodstock di Grandate si veste di folk – il report dell’evento!

È sempre una grande festa quando suonano due grandi gruppi del calibro di Furor Gallico e Stormlord che, dopo il Worst Fest del maggio 2013, si ritrovano a condividere il palco del Woodstock, in quel di Grandate (CO).

Ad aprire la serata è la band romana, capitanata dal vocalist Cristiano Borchi.

Caratterizzata da atmosfere epiche e oscure, la band ci accompagnano in una racconto di storie antiche, in battaglie perdute nel tempo e ci fanno ripercorrere miti e leggende di tempi arcaici.

29032014-IMG_9301L’inizio del live è scandito dall’ingresso di Cristina Lecce “Medusa”, la Vestale col compito di innalzare ai cieli lo scudo dei fasti passati, del vivo presente e delle attese future. Sul palco salgono gli Stormlord, indossando delle maschere dal sapore antico, minacciose. Si parte… la voce di Cristiano, tra scream e growl, coinvolge subito i presenti, più potente che mai e i nostri guerrieri ci accompagnano in un live fatto di classici uniti in modo fluido ai brani più nuovi dell’album, uscito nell’autunno del 2013, Hesperia. 

Il Woodstock, che non è certo un locale molto grande, si trasforma il un campo di battaglia dove il nostro rapsodo ci narra vicende di antiche civiltà. Orchestrazioni imponenti e ritmi decisi, scanditi dal preciso David Folchitto, creano la giusta atmosfera per proseguire con una serata che si preavvisa decisa e adrenalinica.

Sotto al palco nessuno si è risparmiato, non si può certo dire che il pubblico del Woostock sia stato freddo e sicuramente è stato l’entusiasmo degli Stormlord a infiammare la folla.

Un ora di grande musica e di atmosfere epiche hanno lasciato poi il palco ai Furor Gallico.

30032014-IMG_96072Carichi come sempre in questo tour di mezzo e con la nuova line-up (Mattia Pavanello ha sostituito Stefano Centineo alla chitarra e Riccardo Brumat che prende il posto di Laura Brancorsini al violino, n.d.a.) hanno mandato letteralmente in “brodo di giuggiole” il pubblico, non si può stare fermi sulle note di Cathubodva e le persone che ballavano anche al piano superiore sono state la dimostrazione di quanto promettevano i nostri “Gallici” nella presentazione della serata. “Una serata che metterà a fuoco e fiamme il locale!!!” recitava uno slogan dell’organizzazione dell’evento e così è stato, come sempre a gran voce il pubblico ha fatto sentire tutto il suo calore e la sua voglia di una serata di live interminabile.

30032014-IMG_9896Momento più bello della serata, perchè due grandi band sullo stesso palco non potevano che stupirci ulteriormente, è stato il duetto di Cristiano con Davide, acclamato frontman dei Furor Gallico, su una delle canzoni, più belle della loro discografia. Sulle note di Medhelan arriva il culmine della serata, l’emozione di avere un grande amico e musicista, è visibile sui volti di tutta la band e il pubblico è completamente assorto.

Ancora qualche brano e la serata termina tra gli applausi!

Il prossimo appuntamento sabato 5 aprile al Midian di Cremona e il 12 aprile al Rock&Roll Arena di Romagnano con Elvenking, Stormlord e Furor Gallico, in occasione del Pagan Trinity.

Un grazie a Federica Borroni per il materiale fotografico (www.federicaborroni.it).

A cura di Zoe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: