THE LIVING: la band pre-Guns N’ Roses di DUFF McKAGAN pubblica l’album del 1982

THE LIVING: la band pre-Guns N’ Roses di DUFF McKAGAN pubblica l’album del 1982

I pionieri del punk di Seattle The Living, con l’iconico polistrumentista e cantautore Duff McKagan, condividono per la prima volta la loro registrazione di debutto. ‘The Living: 1982’, questo il titolo, uscirà il 16 aprile 2021 tramite la Loosegroove Records di Seattle, un’etichetta di proprietà di Stone Gossard (Pearl Jam) e Regan Hagar (Satchel, Brad).

La band ha anche rilasciato in streaming il primo singolo, ‘Two Generation Stand’, che potete ascoltare dal player più sotto!

I The Living erano composti dal 17enne Duff McKagan alla chitarra, il frontman / cantante John Conte, Todd Fleischman al basso e Greg Gilmore (Mother Love Bone) alla batteria.

Le registrazioni sono state portate alla luce da Gilmore che ha guidato l’idea di rilasciare la musica in qualche modo. Aveva perfettamente senso portare la collezione all’etichetta di Seattle Loosegroove, che aveva appena resuscitato l’impronta di settembre 2020. Come spiega Gilmore: <<The Living è stato l’inizio di tutto ciò che è Seattle per me – un punto di svolta nella mia vita. Sono entrato a far parte di una band e di una comunità. Questi ragazzi sono ancora miei fratelli. Ho adorato queste registrazioni sin dai giorni in cui le abbiamo fatte. Questo disco è un fantastico documento di un momento carico. Lo adoro.>>

Con sette brani originali scritti da McKagan, l’album sarà disponibile in tre diverse varianti di colore del vinile: bianco, giallo canarino e rosso rubino traslucido.

La scena grunge di Seattle è stata ben documentata, ma ora, per la prima volta, rintracciamo la scintilla che ha acceso il primo movimento punk nel PNW. È iniziato in un seminterrato, come ogni storia musicale di Seattle. Il futuro bassista dei Guns N’ Roses McKagan, a 17 anni, era già apparso nei 45 giri dei Fastbacks e dei Vains (scrivendo anche la sua prima canzone ‘The Fake’) prima di iniziare nei The Living con Todd Fleischman al basso, John Conte alla voce, mentre Duff stava dietro la chitarra. Hanno trovato il batterista Greg Gilmore dopo aver inserito un annuncio nel giornale di musica locale The Rocket. La band ha canalizzato The Clash, Germs, Generation X, con i brani originali di McKagan e cover punk come ‘Beg, Borrow And Steal’ (Ohio Express) e ‘You’re A Better Man Than I’ (Yarbirds / Sham 69).

Con la band al top, i musicisti andarono in studio per un giorno, senza piani o idee su come pubblicare il disco. La sessione risultante attesta il potere furioso di The Living al loro apice. Ci rimangono sette brani originali di McKagan, con pura scarica di adrenalina. Gli accordi assassini smentiscono i giovani e la relativa inesperienza dei membri. L’angoscia, la rabbia e l’energia nelle canzoni di protesta come ‘Live By The Gun’ e ‘Two Generation Stand’ sono trasmesse con convinzione, mentre ‘A Song For You’, con i suoi agganci stretti, adotta un approccio più personale. Ma non sarebbe durato. <<Le cose andavano così in fretta in quei giorni>>, rifletté Gilmore.

I dettagli sono approssimativi circa la fine della band e probabilmente è meglio dimenticarli. McKagan e Gilmore si ritrovarono successivamente nei Ten Minute Warning, l’anello mancante tra punk rock e proto-grunge (qualunque esso sia), prima di partire per Los Angeles. Gilmore tornò rapidamente a Seattle e aiutò a formare i Mother Love Bone e alla fine fondò anche l’etichetta First World Music. Invece McKagan, come oggi sappiamo bene, intraprese una carriera straordinaria, che tutt’ora resiste. Il 1982 si erge alto e orgoglioso nella classe del punk di Seattle dei primi anni ’80.

Ripensandoci, Duff si chiede: <<Questo sarebbe mai uscito dal nostro seminterrato? Allora avevamo qualcosa di magico, ed era nostro, quindi chi se ne frega!>> Ora, dopo 39 anni, i The Living sono fuori dal seminterrato.

Queste la tracklist e la copertina dell’album ‘The Living: 1982’:

01. A Promise
02. Two Generation Stand
03. Live By The Gun
04. A Song For You
05. No Thanks
06. Live Is A Terror
07. I Want

Photo credits: Marty Perez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: