THE DARKNESS, Justin Hawkins: “il nostro lavoro è fornire una sorta di sollievo dal mondo”

THE DARKNESS, Justin Hawkins: “il nostro lavoro è fornire una sorta di sollievo dal mondo”

Justin Hawkins, frontman dei britannici The Darkness, ha confermato durante una recente intervista su TotalRock Radio che lui  compagni di band hanno iniziato a lavorare sulle idee per il seguito dell’album ‘Easter Is Cancelled’ del 2019 .

Hawkins ha raccontato: <<L’idea del prossimo disco, per me, è che sto solo scrivendo cose che mi divertono e mi faranno divertire davvero, cantando e suonando. Quindi voglio solo che sia un album davvero edificante. Non voglio che sia come uno di questi album bloccati ed incentrati sulla situazione. Il lavoro dei The Darkness è fornire una sorta di sollievo dal mondo e qualcosa del genere. Ddificante che non si riferisce alla miseria, all’incertezza e alla sofferenza ed a tutto ciò che abbiamo dovuto sopportare. La nostra musica dovrebbe essere aspirazionale e dovrebbe parlare del mondo in cui vivo effettivamente, dove niente del genere mi colpisce davvero. L’unica cosa che mi manca è andare in tour, ma poi una volta che sarà tutto finito, torneremo là e andrà tutto bene!>>

Justin , attualmente residente in Svizzera, questa volta ha elaborato il suo approccio al songwriting dicendo: <<Amo essere emotivamente onesto con il rischio di spararmi ai piedi [ride] – esponendo davvero i difetti del carattere ei disturbi della personalità che ho. Non vedo l’ora di esplorarli e celebrarli, davvero. Alcune persone pensano che la musica sia catartica e descrivi tutta questa oscurità che è dentro di te e poi ti senti meglio, e il tuo pubblico si sente meglio perché si sente meno alienato perché si rende conto che non sono le uniche persone che si sentono così. C’è un pò di questo su di noi, ma allo stesso tempo dobbiamo celebrare le parti della nostra personalità che sono disfunzionali.!>>

Continuando ha affermato: <<Capisco perfettamente e apprezzo la necessità di una maggiore enfasi sulla salute mentale degli uomini e tutto quel genere di cose, ma per me, senza la follia, non puoi creare nulla. Penso che i cantautori non dovrebbero fare terapia; dovrebbero scrivere canzoni! L’altra cosa da ricordare è che quando scrivi una canzone, se la scrivi velocemente, stai catturando un momento nel tempo. Quindi il modo in cui ti senti è espresso nella canzone stessa, ma poi non appena hai finito  potresti non sentirti più così e non devi necessariamente sentirti in quel modo per poterla cantare in seguito. Finché è una grande canzone, non importa.>>

Concludento il frontman ha detto: <<Quindi, per me, quando le persone dicono, ‘Oh, sei felice o sei triste?’, Rifiuto sempre questa domanda perché penso che l’esperienza umana sia un intero spettro di emozioni E non è determinato dagli eventi della tua vita. Perché puoi sentirti benissimo per il caffè che stai bevendo ma terribile per una perdita che hai appena subito. Oppure il tuo cane ti lecca la mattina e poi caga sul tappeto più tardi. Avrai rabbia, contentezza, compagnia e tutte queste cose che ti fanno sentire bene, e inoltre dovrai affrontare alcune cose reali. Questo è solo un esempio. Quindi hai uno spettro di emozioni che provi, un’intera gamma. Quindi, quando scrivi una canzone, assicurati di essere onesto su come ti senti quando la scrivi, non su quello che vuoi dire con la canzone. Altrimenti, è meno efficace come modo di spingere o esprimere qualcosa!>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: