STEVE RILEY: “i commenti di PHIL LEWIS sui suoi L.A. GUNS sono davvero infantili”

STEVE RILEY: “i commenti di PHIL LEWIS sui suoi L.A. GUNS sono davvero infantili”

Steve Riley ha difeso la sua versione dei L.A. Guns dalle critiche di Phil Lewis, dicendo che i suoi commenti sono “davvero infantili”.

La versione dei L.A. Guns di Riley non deve essere confusa con la band guidata da Lewis e dal chitarrista Tracii Guns, che ha pubblicato due album ben accolti, ‘The Missing Peace’ e ‘The Devil You Know’, più l’uscita dal vivo ‘Made In Milan’ con il moniker L.A. Guns negli ultimi quattro anni.

La versione di Riley ha fatto il suo debutto live a maggio 2019 all’M3 Rock Festival. Il batterista è affiancato dal chitarrista / cantante Kurt Frohlich, il bassista Kelly Nickels (un membro dell’incarnazione ‘classica’ dei L.A. Guns) e il chitarrista Scott Griffin (che ha suonato il basso per la band dal 2007 al 2009, e successivamente dal 2011 al 2014).

Alla domanda in una nuova intervista a The Bay Ragni Show come si sente ad essere oggetto di commenti denigratori online da parte di Lewis e Guns, Riley ha detto: <<Penso che sia divertente perché non ho alcun problema con quei due ragazzi, ma loro hanno un problema con me, Kelly e Mick (Cripps, ex chitarrista dei L.A. Guns, nda). E non l’ho mai capito. Parlano di spazzatura su Internet, ed è qualcosa che noi non faremo. Non distruggerò mai le persone con cui ho suonato. Non ha alcun senso. Perché avrei dovuto suonare con loro in quei primi anni e divertirmi così tanto a scrivere con loro, fare tour e video insieme, e praticamente qualsiasi cosa, e poi, più avanti nella vita, parlare di spazzatura. Non potevo andarci, e so che Kelly Nickels è allo stesso modo, Mick Cripps è allo stesso modo – semplicemente non ci andiamo. Ma quei ragazzi hanno parlato molto di noi e non l’abbiamo mai capito, perché abbiamo avuto dei momenti speciali con quei ragazzi.>>

Steve Riley ha anche affrontato il recente commento di Lewis secondo cui l’album di debutto dalla versione di Steve dei L.A. Guns, ‘Renegades’ è un “mucchio di merda fumante che è stato scritto e registrato in due settimane”. Riley rise e disse: <<È sbagliato, prima di tutto, su diversi livelli. Prima di tutto, dire qualcosa del genere è così infantile – è davvero infantile; i fan ne sono consapevoli; viene fuori male. Ho letto anche quello che hanno commentato i fan dopo. Loro non lo apprezzano; a loro non piace affatto. E ha detto una serie di cose cattive. E la cosa strana è che io e Phil siamo stati 15 anni insieme senza Tracii. E non c’è stata nemmeno una rottura della band. Ha detto che avrebbe fatto alcuni spettacoli con Tracii, e che sarebbe stati pubblicizzati come ‘Tracii Guns and Phil Lewis’ – non sarebbero nemmeno stati gli L.A. Guns. E sono rimasto sorpreso, perché sapevo che non andava d’accordo con Tracii. Sia io che Kelly e Mick Cripps, lo sapevamo da molti anni, si sono parlati in modo sporco per anni ed anni – si sono lamentati a vicenda. Quindi, quando Phil ha detto che voleva fare alcuni spettacoli con Tracii, sono rimasto un pò sorpreso – davvero sorpreso. Ha detto: “Lo farò per circa cinque o sei mesi, farò alcuni spettacoli con lui e poi tornerò”. Quindi è così che l’abbiamo lasciato: niente litigi o urla, niente inseguimenti. Quindi sono sorpreso che sia così arrabbiato con me sulla stampa e se ne va con me. Di nuovo, non lo farò mai – non glielo restituirò; Non dico che fa schifo o cose del genere.>>

Riley ha continuato: <<Quando ha detto questo riguardo a ‘Renegades’, ha sbagliato anche su un’altra area – non ci sono volute due settimane per scriverlo e registrarlo. Ci sono volute due settimane per registrarlo, ma abbiamo fatto una lunga pre-produzione durante l’estate – per circa due mesi, scambiando idee e mettendo insieme le canzoni. Poi ho fatto volare i ragazzi qui a Los Angeles e successivamente abbiamo fatto un’altra breve pre-produzione per poi entrare direttamente in studio. Questo è ciò che ha richiesto due settimane: abbiamo registrato per un’intera settimana, mixato e masterizzato per una settimana. Quindi non l’abbiamo scritto in due settimane. Questo è pazzesco. Quindi abbiamo lavorato all’album per un bel pò. È quello che è. E in un certo senso lascio che le cose mi scivolino via. Non posso lasciare che queste cose mi assorbano in quel modo. Devo solo andare avanti e rimanere fedele a me stesso e non tagliare le persone e soprattutto tagliare gli ex membri con cui mi sono divertito a lavorare. Non sono lì; Non posso andarci!>>

I fatti precedentemente accaduti…

Nel gennaio 2020, Riley è stato citat0 in giudizio da Tracii Guns e Phil Lewis presso il tribunale distrettuale della California. Insieme a Riley come imputati nel caso ci sono i tre musicisti che si esibiscono nella sua versione rivale lanciata di recente dei L.A. Guns; il manager, l’agente di prenotazione e il merchandiser di quel gruppo è Golden Robot Records.

La denuncia, che richiede un processo da parte di una giuria, afferma che la versione di Riley dei L.A. Guns (indicata nel fascicolo del caso come “la contraffazione dei L.A. Guns”) sta creando “concorrenza sleale” attraverso il suo uso non autorizzato del marchio L.A. Guns. Inoltre, Guns e Lewis cercano sollievo da e/o contro falsa pubblicità, violazione del contratto e utilizzo non autorizzato delle loro somiglianze.

In sostanza, la denuncia di Guns e Lewis mette in discussione la rivendicazione di Riley di proprietà parziale del nome e del logo di L.A. Guns e sostiene che il suo utilizzo di entrambi non è stato autorizzato. Inoltre, i due affermano – come Guns ha fatto pubblicamente in passato – che Riley ha sottratto gran parte dei proventi editoriali del gruppo negli ultimi due decenni.

Nonostante abbia lasciato la band subito dopo l’uscita di ‘Waking The Dead’ del 2002 per concentrarsi su Brides Of Destruction (il suo super gruppo di breve durata con il bassista Nikki Sixx dei Motley Crue), i Guns “sono i proprietari dei diritti di marchio di diritto comune” per il nome ed il logo L.A. Guns, afferma il reclamo. Rileva che i Guns fondarono la band nel 1983, quattro anni prima che Riley si unisse, e che Riley non si esibì nell’EP d’esordio del gruppo nel 1984 e contribuì solo a una singola traccia nel loro omonimo album di debutto del 1987.

Secondo la denuncia, Guns “è stato ferito dalla concorrenza sleale degli imputati”, mentre lui e Lewis hanno “subito danni inclusi danni e lesioni irreparabili alla loro buona volontà”. Afferma inoltre che i L.A. Guns di Riley sono stati formati “con l’intento di ingannare e confondere i fans e consumatori facendogli credere che la band contraffatta sia la versione originale di Tracii Guns”.

Oltre ai danni effettivi e punitivi, Guns e Lewis stanno cercando un’ingiunzione permanente “che impedisca a tutti gli imputati nominati di utilizzare il nome, il logo e la somiglianza dei L.A. Guns, nonché “una dichiarazione secondo cui Guns è l’unico proprietario del diritti di marchio di diritto comune” per il moniker della band e qualsiasi marchio di design correlato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: