Oltre 600 artisti americani firmano l’iniziativa #SaveOurStages per il sostegno ai piccoli locali di musica dal vivo

Oltre 600 artisti americani firmano l’iniziativa #SaveOurStages per il sostegno ai piccoli locali di musica dal vivo

Robert Plant, Ozzy Osbourne, Alice Cooper e Dave Grohl sono tra i 600 artisti che hanno scritto una lettera aperta al Congresso USA, esortandoli ad aiutare a salvare i locali musicali indipendenti negli Stati Uniti. La National Independent Venue Association ha pubblicato una lettera ufficiale il 18 giugno, ed ha rivelato un elenco dei firmatari che chiedono al governo di sostenere finanziariamente oltre 1000 sedi indipendenti che stanno affrontando la chiusura permanente per via della pandemia di coronavirus in corso.

Alcuni estratti dalla lettera in questione:

Sapremo che l’America è” tornata “quando i nostri locali musicali saranno pieni di fan che si godono i concerti in piena sicurezza. L’esperienza di musica dal vivo è indissolubilmente legata al tessuto culturale ed economico della nostra nazione. In effetti, il 53% degli americani – cioè 172 milioni di noi – ha partecipato a un concerto l’anno scorso. Ti stiamo chiedendo di sostenere la richiesta di aiuto al governo della NIVA in modo che questi luoghi amati può riaprire quando è sicuro e dare il benvenuto a noi e ai nostri fan. Il crollo di questo elemento cruciale nell’ecosistema dell’industria musicale sarebbe devastante.

Siamo la nazione che ha dato al mondo jazz, country, rock & roll, bluegrass, hip hop, metal, blues e R&B. L’intrattenimento è la più grande esportazione economica d’America, con canzoni scritte e prodotte da artisti americani che si esibiscono in ogni luogo del globo. Tutti questi generi musicali e gli artisti annessi sono stati in grado di prosperare perché avevano locali indipendenti in zona, in cui suonare e affinare la propria arte, costruendosi un pubblico […]

I piccoli locali indipendenti danno agli artisti il ​​loro inizio, spesso come il primo palcoscenico su cui la maggior parte di noi ha suonato. Questi locali sono stati i primi a chiudere e saranno gli ultimi a riaprire. Con zero entrate e il travolgente sovraccarico di affitto, mutuo , servizi pubblici, tasse e assicurazioni, il 90% delle sedi indipendenti riferisce che se la chiusura dura sei mesi e non c’è assistenza federale, potrebbero non riaprire mai più.

All’inizio del mese, NIVA ha condotto un sondaggio che ha scoperto che quasi tutti i locali musicali indipendenti potrebbero essere costretti a chiudere definitivamente le porte a causa della pandemia di coronavirus. 2.000 membri provenienti da tutti i 50 stati hanno preso parte al sondaggio, secondo cui il 90% delle sedi “chiuderà definitivamente tra qualche mese senza finanziamenti federali”.

La lettera è stata firmata da oltre 600 artisti USA, tra cui Robert Plant, DAVE GROHL, LADY GAGA, RANCID, Ozzy Osbourne, Steve Vai, Jack Black e Cannibal Corpse.

Foto di copertina: Paul Flynn from Toronto, Canada / CC BY-SA

Il tuo biglietto su TicketOne.it

Concerti Metal - Concerti Rock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: