MESHUGGAH: ascolta la nuova ‘I Am That Thirst’

MESHUGGAH: ascolta la nuova ‘I Am That Thirst’

I Meshuggah hanno reso disponibile in streaming la nuova ‘I Am That Thirst’, terza anticipazione dall’album ‘Immutable’ che uscirà l’1 Aprile. Potete ascoltare il brano qui sotto:

Precedentemente, i Meshuggah hanno anticipato anche i singoli ‘Light The Shortening Fuse’ e ‘The Abysmal Eye’.

Il 2022 porta l’uscita del nono e più impavido album in studio delle icone svedesi. Pieno di sorprese e tuttavia immediatamente riconoscibile come opera del gruppo più idiosincratico del metal, ‘Immutable’ ridefinisce e ridisegna il suono dei Meshuggah, attraverso più di un’ora della musica più stimolante e coinvolgente che la band abbia mai concepito. Nonostante le sfide degli ultimi due anni, i principi progressive che hanno sempre influenzato le loro opere d’arte vengono tenuti da conto più che mai. Mentre ci muoviamo a spirale verso un futuro distopico, i Meshuggah funzionano ancora in maniera autonoma.

Per il chitarrista Mårten Hagström era impossibile resistere al compito di imbarcarsi in un’altra odissea tech-metal senza precedenti. <<Per noi non era così chiaro che stessimo facendo un nuovo album. Sapevamo di poterlo fare, ma lo volevamo davvero? Abbiamo dovuto decidere: facciamo questo o quest’altro? Dopo una lunga, lunga discussione, eravamo d’accordo su alcune cose. Avremmo fatto un album con meno restrizioni possibili. Avremmo cercato di realizzare un disco il più figo possibile, senza ansie e vedendolo come un’opportunità. Come possiamo fare in modo che questa sia una sfida che sentiamo di poter accettare e di esserne all’altezza? Molto rapidamente abbiamo avuto un punto di partenza. Tutti hanno iniziato a scrivere, ci si è messi in moto e improvvisamente eravamo seduti lì a discutere su quante canzoni avremmo dovuto tagliare!>>.

Andando oltre le più rosee aspettative, il nono album della band è semplicemente la sua avventura sonora più selvaggia ed esoterica di sempre. Registrato agli Sweetspot Studios di Halmstad (Svezia), mixato da Rickard Bengtsson & Staffan Karlsson e masterizzato dal pluripremiato ai Grammy Vlado Meller (Metallica, Rage Against The Machine, Red Hot Chili Peppers, System Of A Down), il disco è accompagnato dalla splendida copertina ancora una volta creata dall’artista visionario Luminokaya (nell’immagine sotto).

Tracklist:
01. Broken Cog
02. The Abysmal Eye
03. Light The Shortening Fuse
04. Phantoms
05. Ligature Marks
06. God He Sees In Mirrors
07. They Move Below
08. Kaleidoscope
09. Black Cathedral
10. I Am That Thirst
11. The Faultless
12. Armies Of The Preposterous
13. Past Tense

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: