Kutso live @ Paola (CS): il report della serata!

417839_448904438535132_1181347487_nDomenica 28 Aprile…

Rieccomi a Paola (CS), nella piazza centrale in occasione di un simpatico concerto dei romani Kutso, organizzato da Giuseppe Serpa e Simone Meo. Ancora una volta la ridente cittadina sulla costa tirrenica cosentina è testimone di una serata corredata da buona musica e, in questo caso, di tanto umorismo e “provocazione”.

Sono le 22:30 quando giungo in piazza IV Novembre, in tempo per una birretta con gli amici e vedere iniziare la serata con dei Kutso molto grintosi. Un inizio molto “colorato” con una reazione positiva del pubblico sin da subito. La tappa di stasera fa parte del tour promozionale del loro album fresco di stampa, ‘Decadendo (Su Un Materasso Sporco)’, uscito lo scorso primo Aprile prodotto da 22R, Cose Comuni e Metatron.

La band non si è risparmiata da momenti frenetici con Matteo Gabbianelli, il teatrale frontman, che saltava a destra e manca senza negare momenti di estremo sarcasmo e situazioni scherzose, così come i loro testi.

Se conoscete la band, che vanta già una propria schiera di fans numerosa, sapete cosa voglia dire assistere ad una loro esibizione. Di norma il loro genere lo si inserisce sotto l’etichetta “alternative rock”, cioè quando non si riesce a descrivere in un rigo la musica proposta o magari la stessa sia piena di sfumature che non basterebbe una sola parola per far intendere di cosa si parli, quindi molto “vaga”.

I Kutso propongono uno stile musicale variegato a cui ogni etichetta starebbe un po’ stretta, viste le varie sfaccettature e accorgimenti presenti nelle composizioni. Dall’apertura della serata fino all’ultimo pezzo i Nostri hanno propagato il loro verbo simpaticamente irriverente e se vogliamo anche con piccoli cenni di “denunce socio-culturali” con il sorriso in faccia, muovendosi da ritmiche funky a soluzioni che hanno sfiorato il punk rock melodico, senza esimersi da toccare terreni indie rock e pop fino ad alcune dosi rincarate da rock bello movimentato ed energico.

L’audio ha permesso che la gente presente fruisse bene dell’ascolto risultando partecipe facendosi avvolgere palesemente dall’aria molto gioviale della band. Ovviamente nessuno si è limitato dal donare applausi e partecipazione attiva come coretti e “saltelli” sul posto.

La cosa che mi ha colpito dei testi (non avevo mai ascoltato le canzoni della band prima di stasera) sono la facilità e la naturalezza con cui vengono trattati certi temi, con simpatia ma allo stesso tempo picchi di “spietatezza” e durezza, sempre mantenendo un sarcasmo di base molto acuto e ben riuscito.

E’ inteso che si parla di ragazzi molto intelligenti e colti, non si scrivono certe canzoni tanto per dire cazzate, seppur ad un orecchio molto poco attento potrebbero sembrare testi demenziali, ma non è per niente così! Diciamo che si sorride riflettendo, se posso concedermi tale definizione.

Tutta la band si è mostrata in ottima forma e coordinazione, oltre la massiccia attitudine. Musica ben strutturata e proposta con linee vocali che si sono alternate da momenti di “sfogo rabbioso” e falsetti.

Terminata l’esibizione non ho potuto evitare di complimentarmi con il cantante, il più a “portata di mano” nel momento, per accingermi a ritornare a casa nuovamente soddisfatto di una serata musicale interessante, piacevolissima e diversa dal solito.

Ancora una volta la cittadina di Paola ha fatto bella figura con un evento che suggerisco a tutti di non perdersi alla prima occasione; sotto trovate il link alla pagina Facebook della band per seguire ogni aggiornamento e magari trovare una loro data live a voi vicina.

Al prossimo live!

a cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

*trovate qualche scatto della serata nella nostra pagina facebook!

Per seguire i Kutso:

 

About Francesco Chiodometallico 10998 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*