Il nuovo album dei SATYRICON è mezzo pronto, SATYR ci aggiorna sui lavori!

Il nuovo album dei SATYRICON è mezzo pronto, SATYR ci aggiorna sui lavori!

Satyr (al secolo Sigurd Wongraven), frontman dei norvegesi Satyricon, ci aggiorna sui lavori per il nuovo album della band, che darà un seguito al precedente ‘Deep Calleth Upon Deep’ del 2017.

Durante una nuova intervista per la finlandese Kaaos Tv, Satyr ha affermato di essere già a metà della scrittura. Il musicista ha raccontato: <<Direi che il nuovo album è pronto a metà. È comunque difficile quando lavori su questo tipo di progetti perché, almeno nel mio caso, finisco per scrivere molto più materiale di quello che utilizzerò effettivamente. Probabilmente finisco per scrivere tre volte di più di quanto finirà sull’album alla fine. E so anche che quando sei nella prima fase di un tale processo, molto spesso scopri che quello che fai all’inizio in cui credi fermamente e che sei assolutamente sicuro che questa sarà una parte molto importante del disco, finisce per non essere utilizzato affatto. E poi una parte di cui non sei sicuro e probabilmente pensi che non finirai per usare diventa una parte molto importante del disco perché, all’improvviso, per coincidenza, ti verrà in mente un’idea che porterà questa idea a un livello completamente nuovo, che magari prima non eri mai stato in grado di immaginare, e poi qualcosa che sembrava essere una probabileparte da escludere diventa parte integrante del disco. Non siamo arrivati ​​così lontano nel processo, ma so per esperienza che prima o poi succederà, e poi vedremo se ciò richiederà molto del nostro tempo o se determinati pezzi si porranno al loro posto senza troppa seccatura e resistenza.

La parte insolita qui è che non sto davvero lavorando nel modo in cui sono abituato a lavorare, perché sono abituato a scrivere a casa o in sala prove o in luoghi remoti come le capanne in montagna e cose del genere. Ma questo è il tipo di disco in cui mi sono reso conto che, sebbene io possa realizzare alcune idee nelle circostanze che normalmente farei, trovo che questo sia un disco che è meglio scrivere principalmente in studio. Il motivo per cui sto lavorando a un molte cose che non puoi davvero preparare nel modo in cui prepareresti batteria, basso, chitarra e voce.>>

A Satyr è stato chiesto se le influenze della musica folk norvegese troveranno spazio nelle nuove composizioni. Il vocalist ha risposto dicendo: <<Sì, ci sono alcune parti di chitarra che hanno chiaramente la tipica incorporazione Satyricon circa quel tipo di tonalità. Ma forse la parte più importante sono i miei schemi ritmici peculiari che alcuni dei miei colleghi trovano preoccupanti, perché sono sconsiderati per le regole della musica rock e di qualsiasi altro tipo di struttura. Sono più basati sulla libertà che sento nella musica folk norvegese. Alcune delle parti che scrivo, non puoi davvero capire a priori dove finiranno con la loro progressione di accordi, perché non seguo necessariamente schemi ritmici stabiliti per come viene creata solitamente la musica. Ho lasciato che l’idea e la linea melodica guidassero la strada.>>

Lo scorso marzo, Satyr sul nuovo album dei Satyricon ha detto: <<Non è solo una raccolta di canzoni e non ha la strumentazione a cui siete abituati. Il Black Metal ha infinite forme di espressione. Vi piacerà e non vedo l’ora di condividerlo con voi, tra circa un anno a partire da adesso.>>

Frost (all’anagrafe Kjetil-Vidar Haraldstad), batterista dei Satyricon, anticipò qualche giorno fa: <<Ci sarà un nuovo album nel 2022. E continueremo a essere imprevedibili, creativi e innovativi, spero. Quella fiamma non è mai morta in noi; sta ancora bruciando. Stiamo andando avanti e ci stiamo ancora evolvendo.>>

Vi terremo aggiornati!

Segui @suonidistorti su Telegram ed unisciti alla nostra community! 🤘

 

Il tuo biglietto su TicketOne.it

Concerti Metal - Concerti Rock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: