I migliori album della storia del Metal

I migliori album della storia del Metal

L’Heavy Metal, oppure semplicemente Metal, è un genere musicale che ha messo radici in Inghilterra e Stati Uniti negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso. Derivato dell’Hard Rock, il genere Metal si distingue per i ritmi fortemente aggressivi e per i suoni potenti che vengono ottenuti attraverso l’enfasi dell’amplificazione e della distorsione delle chitarre, dei bassi, e, talvolta, delle voci. Ad oggi, il metal si è evoluto attraverso alcune forme rappresentative importantissime, che hanno permesso di cambiare radicalmente la storia della musica; molti tra coloro che non sanno da dove cominciare potrebbero avere difficoltà ma, per fortuna, il web viene in soccorso in tal senso. Gli esempi in tanti altri settori sono numerosi, basti pensare a chi vuole divertirsi online: questo sito mette a confronto tutti i migliori siti dedicati al bingo online. A questo punto, vale la pena passare in rassegna quelli che possono essere considerati gli album migliori della storia del Metal, dalle origini del genere alla fine degli anni ’60 alle sue più recenti espressioni.

Iron Maiden, “Powerslave” (1984)

“Abbiamo preso il meglio dal [nostro ultimo disco, Piece of Mind] e gli abbiamo dato lo stile aggressivo di Number of the Beast [del 1982]”, ha detto il cantante Bruce Dickinson al momento dell’uscita di “Powerslave”. “Abbiamo realizzato un disco di alta qualità… artisticamente parlando, ovviamente!” L’orgoglio di Dickinson per l’album è giustificato, “Powerslave” include canzoni quali “Aces High”, “Two Minutes to Midnight” e “Rime of the Ancient Mariner” (basata sull’omonima poesia di Samuel Taylor Coleridge).

Anthrax, “Among the Living” (1987)

“Il metal ha sempre avuto questa immagine più grande della vita. Ci interessa di più essere reali”, ha detto a Melody Maker il batterista degli Anthrax, Charlie Benante. “Cerchiamo solo di essere allo stesso livello del nostro pubblico, tranne per il fatto che siamo sul palco”. In “Among the Living” ci sono canzoni come “Caught in a Mosh”, che hanno reso in musica la rabbia generazionale, ma non solo. Benante e gli altri membri della band potrebbero essere stati ragazzi normali sotto altri aspetti, ma come musicisti non si poteva negare la loro genialità, che raggiunge picchi in pezzi come “I Am the Law” e “Indians”, che democratizzano quella genialità accompagnandola con alcune delle sonorità più orecchiabili e accessibili del Metal.

Tool, ‘Ænima’ (1996)

Il titolo del secondo album dei Tool, “Ænima”, sebbene inventato dalla band, intende in parte evocare il concetto di Jung di “anima”, o forza vitale, e l’LP è pieno di riflessioni esistenziali sul perché siamo qui e se sia ne valga la pena. “Ci sono molti cambiamenti metafisici, spirituali ed emotivi in corso in questo momento, e stiamo solo cercando di rifletterli”, ha detto Keenan a Rolling Stone nel ’96.

Dio, ‘Holy Diver’ (1983)

Dopo essersi affermato come cantante hard-rock di alto livello tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta nei Rainbow e nei Black Sabbath, Ronnie James Dio è davvero salito nel pantheon del metal con il suo debutto da solista nel 1983. Più Metal di qualsiasi cosa avesse fatto prima, “Holy Diver” include canzoni quali “Stand Up and Shout”, “Rainbow in the Dark” e l’iconica title track “Holy Diver”.

Iron Maiden, ‘Iron Maiden’ (1980)

La cosiddetta New Wave del British Heavy Metal ha rivitalizzato il genere con un uso imponente di velocità, melodia e aggressività. Uno dei punti di svolta in questa nuova scena è stato l’omonimo disco degli Iron Maiden. Gli Iron Maiden hanno così posto le basi per una gloriosa corsa che avrebbe visto la band diventare uno dei più grandi gruppi metal della storia. “Probabilmente era uno degli album con la sonorità peggiore e non eravamo contenti della produzione”, ha detto una volta Murray all’autore Martin Popoff, “Ma in quel momento, ha davvero catturato l’energia grezza della band”. Questo album include “Phantom of the Opera” e “Running Free”.

Judas Priest, ‘Screaming for Vengeance’ (1982)

Proprio come suggerisce il titolo, “Screaming for Vengeance” tratta ampiamente il tema della vendetta. “Era una nuova generazione, era un nuovo decennio”, ha detto in seguito il cantante Rob Halford a Rolling Stone, “Tutti improvvisamente hanno ascoltato questa musica e hanno detto: ‘Sì, questo è esattamente quello che voglio perché posso identificarmi con esso. Parla di ciò che voglio dalla vita e di ciò che faccio’”.

Motörhead, ‘No Remorse’ (1984)

Nel corso dei 40 anni di carriera della band, i Motörhead si sono sempre attenuti ad alcune linee guida mai tradite: la voce che si imponeva sul ritmo iperattivo di una linea di basso, percussioni infernali e una chitarra ritmica di base. Come ha detto Lemmy a Sounds, “Chuck Berry non è mai cambiato. Il piccolo Richard non è mai cambiato. Preferirei essere così e attenermi a una formula di cui siamo contenti”. “No Remorse” offre versioni differenti in forma di tracce di ciò che è essenzialmente la stessa cosa, eppure ogni singola canzone è sorprendente.

Black Sabbath, ‘Paranoid’ (1970)

“Paranoid è importante perché è il blueprint per il metal“, lo ha detto il frontman dei Judas Priest, Rob Halford, “Ha portato il mondo verso un nuovo suono e una nuova scena”. Dalla prima traccia all’ultima, la voce tagliente di Ozzy Osbourne delinea tutti i temi che sarebbero stati trattati nel metal nelle generazioni successive: destino imminente, vittime della droga, guerra nucleare, brutalità, autocrati indifferenti, amore cosmicamente predestinato e disillusione generale. La musica è oscura e cupa con riff di chitarra ispirati al blues, l’album ha anche un assolo di batteria.

Metallica, ‘Master of Puppets’ (1986)

Dall’inizio alla fine, “Master of Puppets” è un capolavoro, ha raggiunto la posizione numero 29 della Billboard 200 e ha ricevuto ampi consensi dalla critica, che ne ha elogiato la musica e i testi politici. È ampiamente considerato uno dei più grandi e influenti album metal di tutti i tempi, ed è accreditato di aver consolidato la scena thrash metal americana. Nel 2015, “Master of Puppets” è diventato il primo disco metal americano ad essere selezionato dalla Library of Congress per essere conservato nel National Recording Registry poiché è considerato “culturalmente, storicamente ed esteticamente significativo”.

Evanescence, ‘Fallen’ (2003)

Dal momento in cui “Bring Me to Life” è entrata nel mainstream attraverso la colonna sonora di Daredevil, gli Evanescence sono diventati il nuovo volto del movimento gothic metal e anche una delle più grandi band del mondo. Con la voce di Amy Lee, il gruppo ha introdotto una femminilità tanto necessaria all’hard-rock tutto al maschile dei primi anni 2000. Con temi quali alienazione, depressione, suicidio e morte, Fallen è comunque riuscito a diventare uno degli album più venduti del 2003.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: