Ci lascia all’età di 94 anni LOU OTTENS, il padre di musicassette e compact disc

Ci lascia all’età di 94 anni LOU OTTENS, il padre di musicassette e compact disc

L’ingegnere e tecnico del suono olandese Lou Ottens, creatore delle musicassette, ci lascia all’età di 94 anni. Ottens diede il via anche allo svillupo del supporto successivo, il compact disc.

In qualità di manager alla Philips, Lou Ottens avviò lo sviluppo sia della cassetta che del CD. Sebbene entrambi i supporti audio avrebbero rivoluzionato l’esperienza musicale globale, l’ingegnere è rimasto sempre modesto, elogiando particolarmente il lavoro di squadra. Sabato scorso Ottens è morto all’età di 94 anni a Duizel. Più di 100 miliardi le musicassette vendute, mentre il doppio per quanto riguarda i compact disc.

Ottens, un uomo brillante…

Lou Ottens è nato a Bellingwolde nel 1926, ma è cresciuto a Hilversum. L’interesse per le apparecchiature audio esisteva già in giovane età. Durante l’occupazione tedesca, Ottens, da adolescente, costruì lui stesso una radio con la quale lui ei suoi genitori potevano ricevere Radio Oranje. Dotò il dispositivo di un’antenna direzionale antiquata, che chiamò ‘filtro tedesco’ perché poteva evitare i disturbatori schierati dalla Germania nazista.

Questa abilità è tornata utile dopo la Liberazione. Dopo aver conseguito la laurea in ingegneria, Ottens iniziò immediatamente a lavorare nello stabilimento Philips di Hasselt, in Belgio, nel 1952. I suoi anni di gloria iniziarono dal 1960, quando fu promosso a capo del reparto di sviluppo prodotto di nuova costituzione, incaricato di inventare nuove tecnologie per il mercato. Nel giro di un anno ha segnato con l’EL 3585, il primo registratore portatile di Philips che ha venduto più di un milione di unità.

La prima vera svolta è seguita due anni dopo. Diverse aziende erano alla ricerca di un successore più compatto del sistema di nastro da bobina a bobina ingombrante e poco intuitivo. Ottens in seguito disse: <<La cassetta è stata inventata per irritazione per il registratore esistente, è così semplice>>. Mostrò un blocco di legno che sarebbe entrato nella tasca interna della giacca e decise: questo è quanto dovrebbe essere piccola la cassetta musicale. Alla fine, fu possibile mettere il nastro in un involucro di plastica e renderlo riproducibile e nel 1963 il primo nastro fu presentato a una fiera dell’elettronica con il testo ‘più piccolo di un pacchetto di sigarette!’.

All’evento, un gruppo di partecipanti giapponesi ha scattato foto e pochi istanti dopo sono emerse in Giappone copie del nastro di Ottens, in varie dimensioni più grandi. L’ingegnere disse: <<Non funziona così, sarà un disastro>> e volò subito in Giappone. Fece accordi con Sony per rendere il meccanismo brevettato da Philips lo standard, dopo di che questo modello è stato lanciato in tutto il mondo. Solo negli Stati Uniti è stato armeggiato per un pò con la cassetta a otto tracce.

Nel 1972, Ottens divenne direttore dell’audio al NatLab di Philips, dove fu coinvolto nella successiva innovazione musicale: l’invenzione del CD. Dopo alcuni esperimenti paralizzanti con dischi analogici, il team di sviluppo ha deciso che c’era solo una soluzione per un supporto audio privo di rumore: l’archiviazione audio digitale con un decoder che correggeva eventuali errori. Anche in questo caso, la collaborazione è stata stipulata con Sony e nel 1980 è stato finalizzato lo standard CD Philips-Sony. Si è rivelata una fetta di dodici centimetri, mentre Lou Ottens ne avrebbe gradita una di 11,5 centimetri.

L’ingegnere si ritirò nel 1986, dando ai suoi colleghi un libro con un centinaio di suggerimenti per l’innovazione. In età più avanzata, a Ottens venne spesso chiesto se fosse orgoglioso delle sue invenzioni, che hanno cambiato in modo permanente l’esperienza musicale in tutto il mondo. Entrambi i supporti hanno democratizzato l’accesso dei consumatori alla musica e reso possibile la registrazione e la condivisione. Sono stati venduti più di 100 miliardi di cassette e 200 miliardi di CD. <<Non ho un metro di orgoglio>> disse Ottens in un’intervista con NRC. Ha sempre affermato che entrambi i supporti audio sono stati creati in squadra.

Nonostante i suoi successi, Ottens ha anche ricordato alcune frustrazioni che ha dovuto sopportare nella sua carriera. Ad esempio, ha dovuto acquistare il suo primo CD nel 1982 in Giappone. Lou nel 2013 si espresse dicendo: <<Acquistai il mio primo CD da Sony, perché il primo della Philips venne rilasciato solo nel 1983. Lo trovai così fastidioso!>>. Era anche deluso dal fatto che Sony avesse realizato il primo Walkman al posto della “sua” Philips. Disse: <<Fa ancora male non averne uno>>.

Ottens pensava che la rinnovata popolarità della cassetta negli ultimi anni fosse una sciocchezza. <<Niente può eguagliare il suono del CD – disse – È assolutamente privo di rumori. Non ha mai funzionato con il nastro>>. Secondo lui, il suono ‘caldo’ di cui vanno in estasi gli amanti del vinile era anche principalmente psicologico. A tal riguardo Lou affermò: <<Ho realizzato molti giradischi e so che la distorsione con il vinile è molto più alta. Penso che le persone ascoltino principalmente quello che vogliono sentire.>>

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: