Le donne del metal italiano (parte II)

Eccoci alla seconda ed ultima parte (per il momento) di questo articolo, dedicato all’universo metal italiano al femminile.

Nella parte precedente abbiamo fatto una “carrellata” sommaria citando alcune tra le vocalist metal nostrane prima dell’avvento del nuovo millennio, adesso ci occuperemo di quelle “nate” dopo l’avvento del suddetto, vale a dire, artisti metal al femminile dal 2000 ad oggi. Ribadisco nuovamente che farò una selezione per limitarmi allo spazio di cui ho disponibilità, ma spero di riuscire a portarvi all’attenzione buoni ascolti.

Iniziamo dal principio del primo decennio, dell’anno duemila, con una vocalist da cui prende il nome l’intera band ovvero i Cadaveria, formati nel 2001 dalla stessa, insieme a Flegias (Marcelo Santos) dei genovesi Necrodeath.

La band si è fatta ben conoscere con il primo lavoro ‘The Shadows Madame’ del 2002, che attrae subito a se il termine Horror Metal, accostatogli da alcuni giornalisti di quel periodo.

Ma la loro musica va ben oltre simili clichè toccando momenti Thrash, spunti Gothic e varie sfumature (per cui non facilmente catalogabili). Dopo l’uscita di ‘Far Away From Confomity’, che vede meglio definirsi il genere e consolidare al meglio la band, la nostra presenta al pubblico il suo side-project DyNAByte, act dedito ad un metal elettronico di cui poco conosco, non amando l’elettronica, fatto sta che danno alle stampe l’album ‘2KX’. L’ultima uscita, ad oggi, risale al 2007 con ‘In Your Blood’ del 2007.

Tra le varie vocalist, arriviamo anche ad una delle band “hard” composta interamente da donne, come le milanesi Bambole Di Pezza, che seppur formate nel 1997 (quindi sarebbero dovute entrare nella parte precedente dell’articolo), iniziano a far parlar, seriamente, di se solo nel 2002 (per questo le ho inserite qui) con l’album ‘Crash Me’ ed alimentato la loro fama con il secondo, e finora ultimo, album ‘Strike’ del 2004.

La loro è una carriera basata soprattutto su i live che su disco. Non è difficile che potreste trovarle a qualche festival sponsorizzato da Rock TV.

Continuando con un’altra band, nata con formazione tutta al femminile, ma che vede due maschietti nella formazione odierna, parliamo delle siciliane Radiance.

Una band nata nel 2004 che per anni ha portato avanti buoni concerti, proponendo cover hard’n’heavy dei tempi d’oro, ma con il loro crescere, artisticamente parlando, proposero nel 2008, dopo il cambio di line-up, il primo lavoro discografico di inediti intitolato ‘…And The Night Comes Down’. Attualmente la band è a lavoro sui pezzi che daranno vita all’album successivo.

Concludo questa sfilata di bands “femminili” con le romane Putrefied Beauty, nate nel 2007. Le nostre sono state capaci di far parlare di se per la brutalità proposta (potrei definirle una sorta di Cannibal Corpse italiani in gonnellina) nei loro pezzi.

Nel 2008 le quattro fanciulle danno alle stampe il demo ‘Hot For Blood’ riscuotendo consensi da più parti e confermando la loro bravura con il successivo ‘Promo 2010’. Portandosi in giro anche con alcuni live positivamente riusciti. E’ del 1 Maggio di quest’anno la notizia che la band si è sciolta per problemi interni.

Tuttavia ritroviamo la vocalist della band, Rosy, nei death metallers livornesi Profanal, che hanno mostrato il loro amore per il death metal old school con il loro ‘Demo2007’, riconfermandosi nell’underground con il successivo ‘The Rotten Bodies’ targato 2009.

L’ultima prova su disco ad oggi la si può ascoltare nello split registrato insieme ai Funeral Whore ‘Two Morbid Ways To Die’ di quest’anno.

  • A cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

Puoi leggere LA PRIMA PARTE, se non l’hai fatto!

About Francesco Chiodometallico 10998 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*