Kataklysm: svelate copertina e tracklist del nuovo ‘Meditations’!

I melodic death metallers di Montréal Kataklysm hanno terminato le registrazioni del loro prossimo album ‘Meditations’. Le dieci canzoni sono state prodotte dal chitarrista J-F Dagenais e dal batterista Oli Beaudoin, mentre del mixaggio si è occupato Jay Ruston (Anthrax, Stone Sour, ecc.). La masterizzazione è stata curata da Paul Logus (Pantera e altri).

La band svela la copertina realizzata da Ocvlta Designs di Surtsey, già autore dell’artwork del precedente ‘Of Ghosts And Gods’. Potete visionarla nell’immagine sottostante.

Il cantante Maurizio Iacono ha commentato: <<Questo è un album molto personale per me, nel quale ho rivisitato vecchie ferite. Ho sentito un forte impulso a riversare la mia anima in questo lavoro. I ragazzi ed io ci siamo isolati sotto lo stesso tetto durante il processo compositivo, proprio come facevamo nei primi tempi… senza preoccupazioni se non divertirsi, essere onesti e realizzare un album serio che ci rappresenta oggi, ma rispetta il nostro passato. La nostra nuova storia sta arrivando e siamo desiderosi di condividerla con voi!>>.

La tracklist di ‘Meditations’:

01. Guillotine
02. Outsider
03. The Last Breath I’ll Take Is Yours
04. Narcissist
05. Born To Kill And Destined To Die
06. In Limbic Resonance
07. And Then I Saw Blood
08. What Doesn’t Break Doesn’t Heal
09. Bend The Arc, Cut The Cord
10. Achilles Heel

‘Meditations’ segna il ritorno della vecchia etica lavorativa. Tutti e quattro i membri dei Kataklysm hanno scritto e composto le canzoni sotto lo stesso tetto, per la prima volta in dieci anni e sono tornati all’epoca di ‘Shadows & Dust’, ‘Serenity In Fire’ e ‘In The Arms Of Devastation’.

About Francesco P. Russo 11522 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà in ambito Metal / Rock, nell'organizzazione di eventi ed è anche speaker su Metal Maximum Radio. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"