Intervista con i Tracy Grave

Oggi vi presentiamo i rockers sardi Tracy Grave, freschi di uscita discografica con il loro primo album ‘Sleazy Future’, già da noi recensito, uscito per Volcano Records.

Il moniker della band nasce dal nome del mastermind, Tracy Grave – appunto, a cui abbiamo rubato un po’ di tempo per permettergli di illustrare un po’ questa sua nuova creatura sonora e del disco di debutto.

Bando alle ciance, lasciamo che sia lo stesso Tracy a raccontarci tutto, un talentuoso artista ma anche una persona con le idee ben chiare in testa e che di certo non le manda a dire, come avrete modo di constatare.

‘Sleazy Future’ dei Tracy Grave è acquistabile qui!

Ciao! Benvenuti su SDM. Essendo una band di recente formazione, vi chiederei di presentare i Tracy Grave ai nostri lettori. Chi siete e come vi siete formati?

Ciao Francesco, la band prende vita dal progetto solista di Tracy Grave che sentendo il bisogno di esibirsi live ha effettuato dei provini dai quali è stato scelto ogi componente in maniera accurata valutando ideali, musicalità, abilità compositive e look.

La band è composta da:
Nero Viper : basso
Enea Grave: Chitarra ritmica
Mark shovel: chitarra solista
John hurricane: batteria
Tracy Grave : voce

Tracy, hai esperienza quasi ventennale, tra varie bands, partecipazioni e tanti live alle spalle. Come sei giunto alla nascita dei Tracy Grave, quale esigenza di espressione ti ha portato a questo?

L’esigenza di cambiare qualcosa in questa routine musicale, guardiamoci attorno siamo circondati da band di imitatori, e non parlo solo di look o di sound, quello che davvero stupisce sono i testi, stiamo ancora qui a parlare di sesso droga e rnr, l’ho fatto anche io in passato da ragazzino, ma dopo un po’ cercare di emulare qualcun altro ti stanca, ho sentito il bisogno di esprimere me stesso.

Avete debuttato con l’album ‘Sleazy Future’, che già dal titolo fa molto intendere, seguito poi dai testi dei brani contenuti. C’è un forte messaggio dietro a tanto buon rock n’ roll…

Il messaggio segue il mio vecchio album ‘In The Mirror Of Soul’.

Guardati dentro, esprimi il tuo punto di vista riguardo a ciò che vivi, che vedi, lascia le parole dei guns n roses ai guns n roses per dircela tutta, dai voce alla tua anima, senno non si va avanti e saremo inesorabilmente catapultati in un futuro spazzatura.

Come nascono i pezzi dei Tracy Grave, in termini di composizione? Vi suddividete le parti o c’è un principale compositore a cui tutta la band si accoda?

I brani nascono da un riff di chitarra o da una mia poesia (scrivo anche poesie) nulla di scritto a tavolino, di solito partiamo a suonare e poi riflettiamo.

Durante gli ascolti di ‘Sleazy Future’ non ho potuto fare a meno di trovare riferimenti a varie scene rock a livello globale. Come mi espressi in fase di recensione, dalla scuola losangelina a quella britannica toccando note di matrice nord europea. La voce, poi, mi ha ricordato molto il buon Tyla dei Dogs D’amour, band che adoro. Qual è il vostro background musicale e quali ascolti vi hanno portato a concepire la musica come la proponete adesso?

Beh ognuno nella band ha influenze diverse, dal metal al funky al blues e anche punk. Noi suoniamo ciò che abbiamo dentro, poi ovviamente le influenze si fanno sentire e non è un male anzi… io personalmente traggo ispirazione dai quadri!

Usualmente cosa spinge, dentro di te/voi, alla realizzazione di un brano? Fermo restando su quanto detto prima, in generale c’è un particolare stimolo che l’esistenza riesce a darvi e farvi dire “ora ci scrivo una canzone”?

Arriva da se, non è una cosa pensata, quando incontri l’amore della tua vita, non puoi fermarti a pensare, ti colpisce ed è fatta. Cosi come la musica vedi qualcosa, parli con qualcuno non ci sono delle cose specifiche.

Per quanto riguarda il lato live, che responsi avete ricevuto ad oggi con sui nuovi brani e come descrivereste a parole vostre un concerto dei Tracy Grave?

In molti non ci vogliono, mi son sentito dire di non esprimere i miei pensieri per suonare in determinati locali, non ho accettato. La verità disturba, la gente ha paura di chi gli sbatte in faccia la realtà.

Un concerto dei tracy grave è una mina vagante, Passi dal pugno alla carezza più e più volte.

Qual è un tuo pensiero sul panorama Rock? Tra i grandi nomi che tornano a farsi sentire (vuoi per qualche bolletta in più da pagare o per una passione ancora viva che sia) e giovani leve che in maniera a volte altalenante riescono a dire ancora qualcosa in maniera personale, che cosa sarà del Rock secondo voi in un prossimo futuro?

Se continuiamo cosi? Sleazy future…. (eheh)
Troppi compromessi, troppa finzione, troppi soldi sporchi
Troppi vecchi ancora in giro sempre a dire le stesse medesime cose… io dopo un po’ mi stancavo di ascoltare io nonno, come mi stanco di ascoltare ancora le band già passate.

A proposito dei Big della musica, poco tempo hai avuto da dire (qui la notizia), come uno sfogo se vogliamo. A cosa è stato dovuto, se posso chiederlo?

Al fatto che non abbiamo nulla in meno di questi BIG

Non dico di ritirarsi, ma almeno che si facciano da parte e che non vadano in giro ad elemosinare soldi dalle band spalla, molti non rispettano neanche il pubblico, cosa gravissima a mio parere.

Siamo nati in anni diversi, loro hanno avuto culo, la rabbia di un tempo non la hanno più. Noi abbiamo la loro rabbia moltiplicata.

Tornando alle vostre attività, cosa dovremo attenderci? Avete già nuove date live programmate e, in caso, anche qualche nuovo brano in lavorazione?

Stiamo sempre componendo cose nuove, abbiamo un po’ di serate live in cantiere e a breve usciremo dallo stivale… Tracy Grave non si ferma qui

Bene, è stato un grande piacere poterti/vi ospitare su SDM, sperando di vedervi presto sul palco, e in futuro con nuovi brani su disco. Come si suol dire, a te l’ultima parola, hai carta bianca. A presto e in bocca al lupo per tutto!

Grazie mille per questa bella intervista e ringraziamo in anticipo chi la leggerà e chi ci suppoterà. Ancora ciao e sempre rock n roll!

Intervista a cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

About Francesco Chiodometallico 10759 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*