Intervista ai Lectern

Dopo aver recensito il loro ultimo album ‘Precept Of Delator’, si rende disponibile, di seguito, l’intervista alla band.

Ciao ragazzi e benvenuti su SDM

Ciao,grazie a te!

Facciamo subito un salto nel passato e precisamente nel 1999: come nascono moniker e progetto musicale dei Lectern?

Fabio: Avevo questa voglia di suonare in un altro gruppo, ma che fosse più brutale dei Perfidy Biblical, con i quali stiamo riprendendo a suonare dopo sette anni. I Lectern sono nati, con due chitarristi ed un batterista, improvvisando dei riff in sala prove, canzoni pronte per un demo. A quei tempi registravamo su nastro, l’underground era Christophe Szpajdel che volle per forza disegnare il nostro logo gratis, un sound molto grezzo ed un’attitudine che come allora, era piena d’odio contro Dio! Negozi, dischi venduti, concerti in piccoli locali, un giro diverso anche negli squat, per una scena che ha perso qualcosa di quei tempi, che per conto mio ho sempre portato avanti!.

Il vostro è un sound impregnato di un Death Metal brutale. Come nasce un brano dei Lectern?

Fabio: Come detto era la direzione brutal quella che volevo, i Perfidy Biblical sono sempre stati accostati ai Morbid Angel i quali, hanno sempre suonato un death metal lento e cadenzato ma anche potente e veloce. Non nascondo che per me il death metal è quello americano, proveniente dalla Florida specialmente! Le song comunque, partono da Pietro, poi tutti insieme le arrangiamo in sala prove con i testi e tutto il resto. Aggiungiamo idee, stacchi e gli assoli di chitarra, che di solito vengono inseriti successivamente da Pietro e Gabriele. Quando registriamo e prendono forma le canzoni, spesso vengono implementate con delle nuove idee mentre le incidiamo.

Quello che incuriosisce molto è il lyrics songwriting di stampo prettamente satanico. Mi piacerebbe approfondire il vostro punto di vista a riguardo.

Fabio: Se scorgi le copertine dei nostri dischi, gli inlay e i vari artwork, potrai accorgerti da sola, in modo molto semplice, e che salta subito agli occhi, che i testi sono tutti scritti su un unico argomento, Satana! La religione cristiana e quanto altro di particolare e mai trattato attorno a questa, è materiale per i miei testi. Ovviamente, delle lyrics antiteologiche e che analizzano l’argomento molto da vicino, sono quasi comparabili agli studi di Mauro Biglino sull’interpretazione reale della Bibbia! Come vedi, cerchiamo entrambi di svelare, confutare ed attaccare Cristo da ogni sua parte! Il satanismo ha varie sfaccettature!.

‘Precept Of Delator’ (artwork)

Punto di vista che è risultato fondamentale per la composizione dell’album Precept Of Delator. Qual è il brano che sentite più vostro?

Fabio: Posso dire quello che sento più mio! Di certo Palpation Of Sacramentarian, una song sui sacerdoti pedofili, un argomento alquanto schifoso da trattare, che già abbiamo toccato su Libidinal Tabernacles e che nel nuovo album, aggiungerà un altro pezzo sullo stesso argomento, sulla trascendenza della confessione! La Chiesa è mer**! Penso che quel disco, sia nato in modo molto spontaneo e naturale per tutti i pezzi, forse tranne un paio o al massimo uno. I riff scivolano via che è una bellezza, è un piacere riproporlo nella sua interezza live!.

Il concept album di Precept Of Delator ruota sull’immagine di Dio che viene spiato e depotenziato da Satana ,ben visibile anche sull’art cover. Può essere interpretato come un messaggio di monito alla società attuale o rimane legato alla visione per lo più satanista?

Fabio: No affatto! E’ Dio che ormai ha perso di qualsivoglia significato, i demoni hanno ripreso la loro carne! Forse Dio non esiste, e se non lo è di che ca*** stiamo parlando, allora? Transustanziazione, confessione, assenza di fede, Satana su Dio e Cristo, inferno, la reversione del male sul bene!.

Da Bisbetical del 1999 a oggi:quali sono i brani che vi piace suonare di più durante i concerti?

Fabio: Credo che tutte le canzoni che abbiamo scritto, siano molto valide, a parte soltanto davvero qualcuna! Dischi e tour sono tutto quello che i Lectern sanno fare! Andare avanti, sempre e comunque, a prescindere da qualsiasi setlist! Saremo in tour europeo in estate con gli Anal Vomit, preparatevi a morire!.

Il ricordo più bello e un momento imbarazzante che ha caratterizzato i vostri tour?

Fabio: Dividere il backstage con gli Incantation, e l’aver perso il plettro sul palco, sono miope e non vedo bene da lontano. La mia mano era piena di sangue a fine concerto!.

Progetti futuri?

Fabio: Siamo in studio per gli ultimi ritocchi sul nuovo disco, anche stavolta ai The Outer Sound Studios prodotti da Giuseppe Orlando! L’album uscirà per Via Nocturna a marzo.

Bene, ragazzi, vi ringrazio per la disponibilità e, nel salutarvi, auguro il meglio per il futuro.

 

Fabio: Join us in hell!

A cura di Benedetta K.

About Benedetta Kakko 140 Articles
Entra nello Staff di SDM nel 2012 come collaboratore interno,recensore e reporter.Con grande passione per i generi Rock&Metal,inizia a suonare la batteria per poi proseguire il suo studio per qualche anno.Il merito va tutto a Mike Portnoy che definisce il "suo master per eccellenza".Ma la sua vera e propria ossessione è Tony Kakko,frontman dei finlandesi Sonata Arctica.Adora i SONATA ARCTICA e band italiane quali:Secret Sphere,RuinThrone,From The Depth,Skylark,Elvenking,The Ritual e tante altre. Ulteriori collaborazioni:Resp.Nord Italia con la rubrica “Italian Power Metal Emergency”per Archivio Metallico Italiano;Collaboratrice e Resp. Comunicazione Web per Altamira Events; Promoting & Supporting bands;Resp. Rubrica Benedetta’s Metal Kitchen su Brutal Crush.