Intervista agli Urlo Nero

Dal sud della Sicilia, tra uliveti e terre incontaminate, è emerso negli anni trascorsi un esplosione di metal oscuro e perfido, quest’oggi un’altra realtà si porta avanti nello stesso filone artistico, e Suoni Distorti Magazine concede loro la parola per potersi fare conoscere.

Ciao Ragazzi,benvenuti su Suoni Distorti Magazine….Vi chiederei di presentare la band a chi ci segue….
Salve, grazie a voi per l’opportunità di questa nostra prima intervista. 

La nostra band si chiama Urlo Nero proveniamo dall’estremo sud della sicilia, precisamente da Sciacca. La nostra band è composta da me Asmodeus (Chitarra, Basso e Voce) e Xaphan (Batteria)

Cosa rappresentate sotto il moniker Urlo Nero, cosa volete portare all’orecchio dell’ascoltatore?
Rappresenta l’urlo della disperazione, vogliamo portare all’ascoltatore delle emozioni e sensazioni che lasciano stupore e piacere…

Ad oggi non avete ancora messo a disposizione dei metalhead alcun brano…Volete descrivere il vostro sound? Cosa dovremo aspettarci dai vostri pezzi?
Si è vero, ancora, anche se per poco, non sono disponibili i nostri brani. Il nostro sound è molto marcio come tematiche e pieno di odio e blasfemia e storie particolari. Un black metal molto tagliente come sound ricollegabile a band come Gorgoroth, Darkthrone, Satyricon, i primi Immortal e a tratti si può sentire qualche influenza thrash alla Slayer però con i nostri pezzi non aspettatevi la riesumazione di band storiche noi non vogliamo riproporre qualcosa di già sentito ma un fottuto dischetto black metal che sarà disponibile per chiunque lo voglia aperto a critiche sia positive che negative basta che siano costruttive!

Provenite dalla Sicilia, in particolar modo da Sciacca (provincia di Agrigento), zona nota ai più per la nascita della Scena Mediterranea di Agghiastru e dei suoi Inchiuvatu e storicamente per l’ottima realtà thrash metal degli anni ottanta come i Nuclear Simphony. Com’è il panorama interno nel 2011? Ci sono realtà interessanti?
Il panorama interno è interessante, abbiamo qui band che hanno fatto la storia e si sono fatte sentire in tutto il mondo, peccato che tutto si riduce ad un movimento di “nicchia” le band continuano a tenere duro e produrre ottimi lavori. 

Però mancano molte cose come degni locali dove suonare, la vendita e distribuzione del proprio materiale e così la band è costretta a marcire a vita nella propria città nel suo homerecording solo pochi fortunati riescono ad emergere da questa situazione.

Tornando a voi…cosa vi ha spinto a scegliere come mezzo di espressione la musica? Perchè in particolar modo il Black Metal? Cosa vi da questo genere in più degli altri?
La musica è un mezzo di espressione allucinante può anche cambiare la vita, la musica è una vera e propria questione di vita per noi senza musica non si vive. Abbiamo scelto il black metal perchè è qualcosa che sentiamo nostro che abbiamo conosciuto tramite gruppi di culto e l’abbiamo fatto anche nostro o almeno proviamo a fare qualcosa di degno. 

Il black metal non ci dà qualcosa in più rispetto ad altri generi noi apprezziamo anche altri rami del metal e della musica in generale. Il black metal è un genere che non può essere concepito da tutti ed è meglio così questo è l’unico aspetto che possiamo considerare diverso rispetto gli altri.

Ora non posso non chiedervi da cosa nasce il nome Urlo Nero….
Il nome Urlo Nero nasce dall’odio che c’è dentro di noi, nei confronti dell’umanità e della vita. Non ci crederete ma ho ideato questo nome da letture dell’autore Pascoli.

Quali sono le band del passato che hanno influenzato il vostro modo di vedere e concepire la musica? Ed in che modo?
C’è una band in particolare che ci ha influenzato, i Black Sabbath, la band che ha creato l’heavy metal e dato spunto a tutti nel panorama metal con i suoi riff marci e ossessivi. 

I Black Sabbath rappresentano l’apoteosi della musica dall’album Black Sabbath del 1970 ad Heaven and Hell del 1980

Raccontami come nasce un pezzo della band….
Un pezzo nasce dalla pura ispirazione un particolare stato d’animo o situazione, niente pezzi scritti a tavolino e strutturati secondo un modo preciso. Solitamente inizia da un riff di chitarra o basso e poi si procede arrangiando batteria e in fine la voce
Ci sono alcune tematiche che preferite toccare rispetto ad altre? Cosa vi esige esprimere?
Le tematiche variano molto, ci esige esprimere il nostro ODIO.

Come vi rapportate con istituzioni politiche e religiose? Credete in qualcosa o qualcuno?
La politica non ci interessa minimamente, tanto chiunque è al potere indifferentemente dalla posizione politica pensa a se stesso e metterla in culo ai cittadini a nessuno interessa il bene degli altri, parlando di istituzioni religiose tocchiamo un tasto molto particolare ehehehe, odiamo totalmente la religione e tutte le istituzioni religiose che non fanno altro che manipolare mentalmente la povera gente più debole e sensibile, noi crediamo soltanto in un unico culto il BLACK METAL!

Oggi il panorama metallico italiano e costellato da numerosissime realtà Black Metal (valide o meno)… Non credi che molte band esagerano con il proporre registrazioni eccessivamente scadenti e pezzi fotocopia per autoproclamarsi “band culto”, senza contare che gli anni d’oro che furono sono passati e si è modificata la concezione delle cose? Voglio dire, se si pensa alla scena originaria norvegese, si parla di un determinato contesto limitato a quella zona e quel periodo, morto con l’avanzare del tempo e la scomparsa dei padri fondatori. Credi abbia senso portare avanti tutt’oggi certe situazioni ripetendo le gesta degli altri?
Oggi troppa gente si proclama come “band di culto” quando non sono riusciti nemmeno ad uscire delle studio e suonare al massimo davanti amici e genitori, le registrazioni grezze non sono un male sempre se non eccessivavamente grezze, è black metal mica musica pop. 

Per quanto riguarda il discorso dei pezzi fotocopia è verissimo purtroppo, c’è chi non riesce a concepire che il passato è passato e bisogna creare qualcosa di nuovo stupire l’ascoltatore e dargli degli input non riproporre sempre la stessa merda.

Siete una band di recente formazione. Avete fatto parte di altre band in passato? Qual è il bagaglio di esperienza che vi trovate alle spalle?
Non abbiamo grandi esperienze alle spalle ma tanta voglia di fare con questo nuovo progetto, io Asmodeus ho avuto in passato esperienze con altre band metal come chitarrista e porto avanti una band tributo ai Black Sabbath, anche Xaphan ha avuto esperienze con altre band.

Secondo il vostro parere, cosa spinge molti ragazzi a dedicare attenzione principalmente a band d’oltre confine ignorando le ottime realtà metal di cui la nostra nazione può vantarsi?
Ti do una risposta molto breve e precisa, l’ignoranza.

Bene ragazzi, essendo quasi al termine non mi resta che chiedervi anticipazioni inerenti le vostre attività musicali.Vi lascio alcune righe per sponsorizzarvi e dar voce alla band….
Al momento la nostra band sta terminando la composizione e poi inizierà la fase di registrazione in studio poi inizieremo anche a fare attività live con un bassista per il live session, come primo lavoro ancora non sarà un sound molto definito ma sarà una bella bastonata per gli amanti del verbo nero.

Prima di chiudere…..credete che nel Dicembre del 2012 questo sporco mondo verrà annullato?
Non credo, Speriamo almeno che il nostro primo cd ufficiale sia uscito ah ah ah!!!

Vi ringrazio per aver risposto al mio interrogatorio e vi auguro tutto il meglio per l’avvenire della band (oltre che al vostro). Concludete proclamando ciò che preferite……A presto!
Grazie per questa bella intervistra, la prima della band. Grazie a chi segue Suoni Distorti Magazine, ci risentiremo presto quando sarà disponibile la nostra demo. 

Per chi vuole seguire la nostra band basta andare sulla pagina di facebook “Urlo Nero”, dove ci saranno sempre aggiornamenti sulla band e lo stato dei lavori. 
Neri saluti da Asmodeus e Xaphan.
Per seguire la band:
a cura di Francesco ChiodoMetallico
About Francesco Chiodometallico 10559 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*