Intervista agli Erotic Psycho

LOGOEPDopo avervi parlato del demo d’esordio degli spagnoli Erotic Psycho, abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con la band per conoscerla un po’ più da vicino. Eccovi il resoconto di una movimentata e simpatica conversazione con i quattro scalmanati rockers iberici…

Ciao ragazzi, benvenuti su Suoni Distorti Magazine. Essendo una band di recente formazione vi invito a presentarvi ai nostri lettori…

Ciao grandissimi,

Nando al microfono, Jay alla chitarra, Lokki al basso e Frost alle pelli, siamo gli Erotic Psycho!!

Vorrei togliermi, prima di tutto, una curiosità… come vi siete ritrovati un nostro connazionale in formazione? (Jay De Martini, ex Street Avenue) Come è avvenuta la vostra unione che ha portato agli Erotic Psycho?

Jay da poco si era stabilito a Valenzia e dopo aver provato in diversi progetti, dove alla fine non trovava il suo cammino, ha deciso un giorno qualsiasi di formare la band che sempre desiderava avere… e quindi…

Erano i tempi della mitica sala Durango, una di quelle tante notti di alcool e rock’n’roll… ci ritroviamo Jay, Nando e Lokki ballando e cantando a suon di Motley, Michael Monroe, L.a. Guns etc… ci guardiamo in faccia tutti e tre con le nostre chitarre immaginarie…andiamo a formare sta band di rock’n’roll!!!

Com’è nato il vostro moniker (Erotic Psycho)?

Erotic è il lato sexy e Psycho il lato della follia…a parte il fatto che secondo noi suonano bene ste due parole insieme!!

Avete dato alle stampe il vostro omonimo demo e in fase di ascolto non ho potuto non notare le fortissime influenze provenienti dalla scena rock’n’roll americana. Cosa rappresenta per voi tale scena musicale? Cosa racchiude in così tale maniera da farvi influenzare in maniera così pesante?

Ascoltiamo molta musica tutti e quattro, dai 70s a principi 90s, ma soprattutto ci focalizziamo sulla scena losangelina degli 80’s!! Gruppi che vanno dallo sleazy-glam, hard melodico o aor… Giusto quello che vogliamo ottenere è questo suono, reincarnare quell’attitudine e restituire il divertimento al rock & roll!!

cartelconciertoj

Come nasce un vostro pezzo? Partecipate tutti alla composizione c’è uno di voi in particolare “addetto” alla creazione?

I pezzi li componiamo insieme, ci diamo abbastanza libertà l’uno l’altro…dato che abbiamo praticamente gli stessi gusti (per fortuna!!)… poi ognuno di noi apporta il meglio di se con il suo strumento, li lavoriamo, li proviamo una e un’altra volta per poi definire il pezzo!

Invece, rivolgendo uno sguardo sui testi… cosa vi preme esprimere? Di cosa parlano?

Prima di tutto l’esigenza di tirare tutto fuori, è quello che ci spinge a fare musica…i testi poi parlano di tutto dal semplice fatto di fare casino e spaccare tutto, avventure selvagge, sesso, amori andati e semplicemente tutte quelle volte che la vita va a puttane…la prendiamo a calci!!

Ho inteso il testo d’apertura, ‘Lost Boyz’, come una sorta di brano autobiografico. Come se narrasse la vostra unione come band. Concordate?

È stato abbastanza difficile in una città come Valenzia riunire un gruppo con questa attitudine, ‘Lost Boyz’ è il nostro primo pezzo… ognuno di noi è originario di un posto diverso… è stato come un patto di sangue fra i “quattro ragazzi persi”… il messaggio è “roccheggiamo tutti e vaffanculo tutto il resto!!!”

Fate parte di un filone artistico-musicale ad oggi affollato e per certi aspetti anche un po’ ripetitivo. Cosa credete vi contraddistingua dalle altre band? Perchè una persona dovrebbe ascoltare voi piuttosto che un’altra band simile?

Vi possiamo anche dire che gruppi di sto stile qui in tutta la Spagna siamo due/tre… e tra l’altro in generale i gruppi tirano più verso la scena svedese o più verso il punk o hard rock classico…gruppi che cercano questo sound non ce ne sono stati molti o forse nessuno. Ed a parte tutto, siamo onesti con noi stessi, facciamo quello che sentiamo, sentiamo quello che viviamo ed il resto non ci importa una emerita sega.

CIMG0379La leggenda vuole che nei meandri dei backstages di band rock’n’roll accadano cose indicibili e festini a base di sesso droga e rock’n’roll. Cosa potete dirmi a tal riguardo? Quanto scopate a ogni concerto?

E’ successo di tutto… partendo dal chiedere uno specchio da usare prima del concerto per truccarci e dopo il concerto per altre cose, haha…fino a che qualche membro del gruppo scomparso dopo il concerto del sabato per  poi riapparire il martedì con il cazzo distrutto…(risate, ndr)

Qui in Italia lo scorso anno si è alzato un grande polverone per la questione del ‘Pay To Play’, cioè di band che pagano per suonare. Cosa che accade da tempo immemore (e non solo in Italia), ma oggi più sotto i riflettori grazie alla rete. Cosa ne pensate a tal riguardo? Quanto credete paghereste per suonare ad un festival alle 5 del pomeriggio davanti 4 gatti mentre gli stessi 4 gatti pensano solo a bere e girare per gli stands del merchandise?

Normalmente un lavoratore non paga per lavorare, questo è tutto!

Tornando alla vostra musica… Avete già proposto i vostri pezzi in sede live. Che riscontro avete avuto fino ad ora?

Guarda soprattutto abbiamo richiamato molto l’attenzione dei più nostalgici e ci siamo sorpresi come altra gente che sconosceva il genere ci ha apprezzato, qui in Spagna non c’è mai stato molto movimento di sto genere, evidentemente abbiamo visto come molti hanno trovato una gradevole “novità” in noi e la nostra musica, vedevamo che, a metà canzone, chi già aveva ascoltato il cd a casa cominciava a cantare e fare i cori ai nostri pezzi, fino ad ora stiamo rimanendo contenti con quello che sta uscendo fuori!

Personalmente ho molto apprezzato le vostre composizioni, da amante dell’hair metal/sleazy. In fase di recensione ho concluso la stessa confidando in un buon futuro album, viste certe premesse. A tal proposito avete altri pezzi pronti?

Abbiamo in mente ovviamente di fare di tutto! Stiamo lavorando su più pezzi ed ovviamente su quelli che già abbiamo composto, pianificando un possibile videoclip, etc… questione di tempo e di fondi, però tutto arriverà!!!

1002232_577856658920525_235053283_n

Ci sono band italiane che rientrano nei vostri ascolti? Al contempo ci sono band spagnole che vi sentite di suggerire ai nostri lettori?

Crediamo che in italia ci sia una scena abbastanza ampia e molti gruppi interessanti, possiamo menzionare alcuni tipo Dobermann, Mad Hornet o Smelly Boggs, o i The Divinos anche se già sono altre sonorità diverse dalla nostra, la loro proposta è molto interessante!

In Spagna la cosa sta abbastanza in crescita, dando una vista panoramica a diversi generi ci sono i nostri conterranei Jolly Joker, Over, passando per altri tipo Five Black Bullets o Sexplosion.

Bene, tornando a voi e giungendo in dirittura d’arrivo; cosa dovremo attenderci dagli Erotic Psycho? Avete già qualche altra data live programmata? Verrete mai in Italia?

Poco di buono!! Haha, si abbiamo 5 date confermate ed altre 4 da confermare da qui a Dicembre!!Non va niente male la cosa…pianifichiamo il lavoro per il 2014…e venire in Italia…molto presto!!

Ragazzi il tempo è tiranno e siamo giunti alla fine. Vi ringrazio per la disponibilità e simpatia, augurandovi tutto il meglio sia nella carriera che nella vita. Concludete come preferite e spero ci risentiremo presto! Un saluto caloroso dall’Italia!

Un forte abbraccione a tutto lo staff di Suoni Distorti e i suoi lettori, grazie di cuore per questa divertente intervista, (seguiteci su face book www.facebook.com/EroticPsycho) ci vediamo onstage!!! CIAOO!!…e “HASTA SIEMPRE!!”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: