Intervista a Max (Italian Thrash Attack)

Navigando in rete, alla ricerca di interessanti realtà underground italiane, ho conosciuto una persona seria ed estremamente appassionata di thrash metal, genere che, come risaputo, io adoro.

Max, musicista, e come citato, serio appassionato al genere, ha creato l’Italian Thrash Attack, una realtà che merita tutto il nostro/vostro sostegno. Ho tenuto ad ospitarlo qui su Suoni Distorti Magazine per farvelo conoscere (nel caso non lo conosciate già) e fargli presentare a lui stesso questa sua creatura.

Ciao Max e benvenuto su Suoni Distorti! Presentati ai miei seguaci…

Ciao e grazie per l’invito e per lo spazio che mi concedi. Consentimi di passare direttamente alla seconda domanda. Chi sono io poco conta, cos’è ITA (Italian Thrash Attack ndr) forse è più interessante.

Hai creato l’Italian Thrash Attack, vuoi presentare questa tua “creatura” a chi ci sta leggendo nel caso ancora non la conosca? Come e quando nacque tutto? 

ITA è nato ufficialmente sul web il 31 maggio 2007, anche se le origini risalgono ad alcuni eventi del 2003. L’intento è quello di pubblicizzare la scena thrash metal italiana in un unico portale, una sorta di agenzia promozionale con la peculiarità di essere GRATUITA per le band; lo faccio per passione quindi non chiedo compensi per l’attività svolta.

Su ITA trovi un database completo delle band thrash metal italiane; il calendario aggiornato degli eventi thrash in Italia; news riguardanti nuove uscite e tanto altro; contest per vincere ingressi gratuiti ai concerti; flyer/locandine (correnti e storiche); foto dei concerti; le copertine degli album… diciamo una sorta di enciclopedia del thrash italiano.

Al di fuori del web mi trovi spesso ai concerti che sponsorizzo, do volentieri una mano e piazzo il mio banchetto del merchandise sul quale non lucro e inoltre ospito il merchandise delle band che suonano nella serata e non solo, anche questo senza lucrare ma dando l’intero incasso alle band stesse. Negli anni con ITA ma anche con l’esperienza da musicista, ho sviluppato numerosi contatti e li metto a disposizione di coloro che ne hanno bisogno.

Approfitto per comunicare a tutte le band thrash italiane di contattarmi per ricevere una mano disinteressata e senza secondi fini.

Cos’ha permesso al thrash metal di impadronirsi di te? Cosa suscita questo genere in te, che magari altri generi non riescono a fare in egual modo? 

Ho iniziato ad ascoltare musica metal da ragazzino…da sempre ho avuto una predilezione per thrash e heavy, non disprezzando però anche il resto… Thrash e hardcore sono generi molto diretti ed è la cosa che preferisco nella musica, nonchè migliore espressione di rabbia e disagio.

Chi meglio di te potrebbe illustrarci il panorama thrash underground odierno! Com’è lo stato di salute del panorama thrash underground italiano secondo te? 

Al momento ci sono una miriade di band thrash in Italia, che siano valide o meno… C’è stato un ritorno al thrash metal negli ultimi anni, non so quanto durerà ancora. Sicuramente mi fa piacere ma, come per ogni ondata, poi a rimanere sono quelle band che realmente l’hanno fatto per passione.

Gli spazi per suonare sono sempre meno, le agenzie di booking e organizzazione concerti sempre di più (strana contraddizione) e le band non suonano poi così tanto, soprattutto fuori nazione… sembrerebbe proprio che le band italiane siano meno professionali di quelle estere, probabilmente perchè suonare non è per loro una priorità.

Se confronti band italiane underground con band come Gama Bomb, Evile ecc…sai dirmi una band italiana che s’è messa alla prova con dei tour veri e propri in giro per il mondo? Non mi pare…al massimo qualche data sporadica.

Ultimamente poi si abusa un pò troppo della dicitura “supporto”…ma a me sembra di vedere sempre la stessa gente ai concerti e sempre la stessa gente che fa solo chiacchiere sui social network…

Max (a destra)
con gli amici della F.O.A.D. records

Ci sono alcuni ascolti che ti senti di suggerire in particolar modo?

Al momento Bunker 66 da Messina su tutti. Grandissimi ospiti l’estate scorsa al VALLEY UNDER SIEGE OPEN AIR FESTIVAL che io stesso organizzo. Hanno tenuto un concertone oltre ad essere molto validi anche su disco. Bravissime persone di grande umiltà che si stanno prendendo le loro soddisfazioni: sono appena usciti con vinile live per la serie “Band Of The Week” curata da Fenriz, dopo aver suonato al Live Evil Festival a Londra, dove il bill è stato curato appunto dallo stesso Fenriz.

Ancora, sono curioso di ascoltare il nuovo dei Mad Maze che uscirà a gennaio per la Punishment 18 Records dell’amico Corrado. In più colgo l’occasione per sollecitare le altre band thrash che hanno il mio supporto nello sfornare presto nuove song.

C’è qualche episodio esilarante o raccapricciante al quale ti è successo di assistere o partecipare durante la lunga serie di concerti a cui hai assistito?

Direi di no… la merda la vedo in altre situazioni, ai concerti fila tutto liscio e ci si diverte. Risse e rotture di cazzo sono in altri contesti che non mi appartengono… per fortuna.

Suppongo tu abbia conosciuto vari artisti di fama internazionale nell’almbito thrash. Qual è secondo te il più stronzo? (sia in positivo che in negativo).

Mah, qualche soggetto che si atteggia da rock star (nella scena estera come in quella italiana) non manca mai, ma preferisco ricordare ottima gente come i Bulldozer, gli Exciter, gli Heathen, i Wehrmacht, Paul Speckmann (Master) e tanti altri con i quali sono spesso e volentieri in contatto…

Ma Max, oltre a sponsorizzare e creare eventi, è anche un musicista? In tal caso, cosa suoni? Eventualmente hai lo spazio per pubblicizzare la tua band.

Si, suono il basso nei Planar Evil (questo il loro sito), 10 anni di thrash metal che ho però messo in stand-by da qualche mese. Due album, un contratto discografico con la MDD Records tedesca, tanti live e festival alle spalle.

Anche tu, come altri (pochi), sei un sostenitore serio dell’underground, ma non solo tramite il dar spazio alle realtà musicali e partecipando quando si può ai concerti, ma proprio acquistando cd originali (se la band piace). 

Purtroppo non tutti si degnano di fare questo, preferendo il download illegale. Cosa ti senti di dire a tal proposito? Si parla tanto di rimedi contro la pirateria, ma credo che sia da cambiare, in primis, la testa alla gente!!!

Sinceramente non so come si faccia a non amare il prodotto che sia cd, vinile, musicassetta originale nelle proprie mani. Di certo non si può comprare tutto, però non c’è niente di più sterile dell’ascolto di musica al pc, che sia in mp3 o su youtube…

Io faccio parte della generazione che amava acquistare i dischi, scambiarli, leggere gli annunci su magazine/ fanzine per trovare nuovi demo e nuove band…era eccitante! E può esserlo ancora!

Molte band underground sono disponibilissime ed acquistare direttamente da loro, è un ottimo aiuto nonchè occasione per socializzare.

Secondo te quale parte d’Italia sta dando vita alle migliori realtà thrash metal? (senza offesa per le altre zone geografiche). 

Non credo ci sia una zona in particolare che sforna più band thrash delle altre. Il meglio nasce sempre dove c’è DISAGIO.

Bene, tornando all’Italian Thrash Attack, c’è qualcosa che stai organizzando? Puoi anticiparci qualche cosa?

Al 99% riproporrò il VALLEY UNDER SIEGE OPEN AIR FESTIVAL in estate. E’ in progetto una compilation che racchiuderà le migliori band thrash italiane (le band interessate possono iniziare a contattarmi); una quantità industriale di sponsorizzazioni di eventi, presenza con lo stand ai concerti e qualche co-produzione a supporto di alcune band thrash/hardcore (anche per questo, le band con cd in uscita possono contattarmi).

La realizzazione di un nuovo sito web, cosa piuttosto impegnativa vista la quantità di materiale; il mio totale supporto ed affiancamento alle attività della FOAD Records che rappresenta il giusto spirito di cui ha bisogno la scena oggi.

Esiste anche il merchandise ufficiale dell’ ITA, di cui tempo fa acquistai anche t-shirt e altro. Hai tutto lo spazio che vuoi per pubblicizzare, su Suoni Distorti Magazine alla base di tutto c’è il promuovere e supportare TUTTO l’underground.

Si…t-shirt, toppe, spille, cd, ecc. E’ un’attività senza scopo di lucro e mi da la possibilità di alzare qualche spicciolo da reinvestire nella causa. E’ una bella soddisfazione quando ai concerti vedo gente che indossa lo squalo, grazie!

Max, ti ringrazio per la disponibilità e la pazienza (che con me ci vuole!).
Ti auguro di riuscire sempre a realizzare tutte le tue idee, a te l’ultima parola. A presto!

Grazie a te per avermi contattato e dedicato questo spazio. Per chiunque volesse seguirci ecco come: ITALIAN THRASH ATTACK – FOR THOSE ABOUT TO THRASH !!! !!! FREE !!! PROMOTION FOR THRASHIN’ BANDS AND EVENTS IN ITALY. BANDS & LABELS: CONTACT US TO SUBMIT YOUR DEMO AND PROMO MATERIAL. BOOKING AGENCIES: CONTACT US FOR PARTNERSHIP AND EVENTS’ PROMOTION. CO-PRODUCTIONS AND TRADES ARE WELCOME !!! (Sotto tutti i link e contatti ndr)

Per seguire le attività  dell’Italian Thrash Attack:

Website, MySpace, Facebook.  contatto email: italianthrashattack@hotmail.it

a cura di Francesco “Chiodometallico” Russo

About Francesco Chiodometallico 10579 Articles
Fondatore di Suoni Distorti Magazine e principale creatore di contenuti del sito. Ex caporedattore di Italia Di Metallo, ha collaborato anche con altre realtà underground in ambito Metal / Rock e nell'organizzazione di eventi. Il suo motto: "Preferisco starvi sul cazzo che leccarvi il culo!"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*